Giovedì, Agosto 17, 2017

 

area riservata

Bollette tari: clamorosa stecca di Mastromauro.

Mastromauro direttore dorchestraNon ci sono errori; è la giunta che le ha volute più alte. 
E’ arrivata finalmente a conclusione la querelle sulle bollette TARI. Il segretario generale dott.ssa Marini, dopo accurati accertamenti, ha rimesso la relazione in merito ad eventuali errori nell’emissione degli avvisi di pagamento TARI 2015: non vi sono anomalie. Avevamo ragione ad affermare che le bollette più alte non erano sbagliate ma derivavano dall’applicazione del regolamento proposto dalla giunta e approvato in consiglio dalla maggioranza.
Viene confermato, quindi, che la dichiarazione del sindaco “Giulianova si connota come una delle non numerose realtà in cui la TARI va giù del 10%” è falsa; purtroppo gli importi della TARI restano quelli e per 4300 utenti restano confermati anche gli aumenti.
Nel momento in cui sono arrivate le prime proteste dei cittadini, dopo l’aspettativa creata, il sindaco si è affrettato a parlare di errore, poi si è sbilanciato a tal punto da accusare il dirigente e gli uffici di aver sbagliato i calcoli ed ha annunciato rimozioni: “se qualcuno di loro non suona bene facendo steccare l’orchestra, lo sostituisco” (Il Centro 25 agosto 2015).

Leggi tutto: Bollette tari: clamorosa stecca di Mastromauro.

Una Maggioranza che si nasconde

Maggioranza-struzzoLa giunta si è appropriata della proposta del Movimento 5 Stelle sul Baratto Amministrativo, presentata dalla Consigliera Trifoni ad inizio estate, per nascondere le nefandezze e i danni che sta arrecando ai cittadini Giuliesi, come dimostra il fallimento milionario del CIRSU, di cui Mastromauro è tra i principali responsabili. Un modo per coprire l’incompetenza politica, l’immobilismo e l’aumento della pressione fiscale inflitta ai cittadini tramite le tasse.

La maggioranza nasconde la testa come fanno gli struzzi, insabbiando e deviando dalle questioni reali - vedi cartelle pazze e aumento vertiginoso della TARI - verso progetti irrealizzabili come la nuova caserma, il Palazzetto dello sport e altre fantasmagoriche opere.

Leggi tutto: Una Maggioranza che si nasconde

Il Movimento 5 Stelle chiede chiarimenti

spazzamento-stradeMargherita Trifoni e il Movimento 5 Stelle chiedono chiarimenti al sindaco sullo spazzamento strade, che risulta essere del tutto inadeguato, rispetto alla cifra che il comune paga annualmente.
La cifra nel 2015 è quasi raddoppiata rispetto al 2014, salendo da 348.000 a 611.000: ci si aspetterebbe di avere strade pulite, invece in estate si è a malapena garantito il servizio al centro della città, tra le proteste continue della cittadinanza.
Sempre in relazione a decoro urbano e pulizia chiediamo spiegazioni sui costi d’uso del capitale pagati per il servizio di raccolta rifiuti, passati da 820.318,17 euro anno (2014) a 1.286.473,34 euro (2015).

Leggi tutto: Il Movimento 5 Stelle chiede chiarimenti

Il manganello strombazzante che alligna in comune

logo-web“Stoccata del sindaco al Cittadino Governante”;
“Guerra ai piccioni”;
“Giro di vite contro le soste selvagge. Più controlli e pugno duro.”;
“E per chi sgarra multa e rimozione del veicolo. Da subito.”;
“Stop ad accesso fino a quando la spiaggia non sarà attrezzata. Attenzione: si rischia la denuncia.”;  
“Il presidente Di Sabatino è furioso? Beh, io lo sono molto di più.”;
“Vengono così  smentiti i cultori dell'aria fritta, i disfattisti ad oltranza e gli ipercritici in servizio permanente. E' insomma la storia di sempre: gli altri parlano e noi invece agiamo”
Uno non lo direbbe mai, ma sapete a chi appartiene questo frasario aggressivo e sprezzante, certamente poco istituzionale? Questo e molto altro lo troviamo, frequentemente, nel linguaggio dei comunicati dell’ufficio di staff del sindaco.
Eh beh, la classe non è acqua, si sa.
Solo che per prendere di mira in maniera volgare e arrogante chiunque osi criticare l'operato del suo principale - ossia del sindaco che l'ha assunto proprio per questo - oltre che per confezionare  la più stucchevole propaganda pro amministrazione, il coordinatore dell’ufficio di staff viene stipendiato da tutti noi cittadini: in sei anni abbiamo pagato quasi 200.000 euro e ne dovremo sborsare altri 140.000 nei prossimi quattro.

Leggi tutto: Il manganello strombazzante che alligna in comune

Piazza Dalla Chiesa: perchè danneggiarla irreversibilmente, spendendoci pure soldi pubblici ?

mercato-copertologo-C GA Giulianova da molti anni classi dirigenti inadeguate producono danni alla città, talvolta in maniera irreversibile, in particolare con scelte amministrative in materia urbanistica e con la realizzazione di opere pubbliche. Esempi se ne possono fare a iosa (Lungomare monumentale ovest e Piazza del Mare, Piazza Buozzi ed il cantiere continuo di Corso Garibaldi, taglio di 250 alberi sul lungomare nord, cementificazione del Pioppeto, sfregio al Kursaal e al paesaggio collinare delle Fontanelle etc.). Ma si può continuare così? La città è ancora in grado di sopportare le conseguenze di scelte sbagliate che possono pregiudicarne la bellezza, la vivibilità e l’economia?
L’ultima in ordine di tempo è quella che prevede la militarizzazione di una piazza!
Si tratta di Piazza Dalla Chiesa che i cittadini difesero dalla cementificazione nell’estate del 2006 con una forte mobilitazione ed una nutrita raccolta di firme. Una piazza tanto bella e strategica per la sua posizione-cerniera tra il cuore del Lido ed il Centro Storico e la sua quinta collinare sullo sfondo, quanto maltrattata e dimenticata (anche da chi amministra ormai da 11 anni!).
La balzana idea, annunciata con toni trionfalistici dal sindaco, prevede la ristrutturazione a carico del Comune (tramite la sua  società partecipata Giulianova Patrimonio) di una parte del mercato coperto  (la porzione rettangolare), mentre per la parte circolare sarebbe stata programmata  una non meglio precisata fruizione pubblica!

Leggi tutto: Piazza Dalla Chiesa: perchè danneggiarla irreversibilmente, spendendoci pure soldi pubblici ?

TARI: il miracolo mancato da Mastromauro

Mastromauro direttore dorchestraAnnunciato ampiamente da Mastromauro Urbi et Orbi, con tanto di trombe e fanfare, il “miracolo” della riduzione del 10% della Tari ai contribuenti giuliesi si è rivelato una grande cantonata, come noi del Cittadino Governate avevamo previsto e spiegato nel Consiglio Comunale di approvazione del bilancio di previsione.
Prova ne sono le migliaia di cartelle Tari - vere e non pazze – che i cittadini si sono visti recapitare con importi nettamente aumentati rispetto al 2014. In tanti hanno fanno la fila negli gli uffici comunali per vericare gli importi delle loro cartelle ed hanno scoperto che in realtà non ci sono stati errori:  le somme addebitate sono corrette poichè applicate in base al Regolamento Tari 2015: quello voluto da Mastromauro.
Avete capito bene: il sindaco, l’assessore al bilancio, la giunta e la maggioranza hanno approvato il Regolamento Tari 2015 che prevede sì una minima riduzione delle tariffe sull’anno precedente ma senza le agevolazioni previste per l’ anno 2014.
Dunque gli importi delle cartele sono così pesanti a causa delle scelte e delle responsabilità di chi da oltre un decennio amministra Giulianova e non certo per colpa del dirigenti e degli impiegati che hanno applicato quanto previsto dal regolamento. Perciò appare davvero fragile la difesa del sindaco che, in evidente difficoltà, platealmente accusa l’ufficio comunale annunciando rimozioni!
La verità è che Tassa sui Rifiuti (per cui  la legge prevede una integrale copertura del costo) semplicemente costa molto perchè il servizio continua a costare troppo e da troppo tempo. Evidentemente la capacità amministrativa del sindaco Mastromauro è davvero carente se in tanti anni non è riuscito a trarre benefici dalla buona raccolta differenziata fatta con impegno dai cittadini guliesi. Il sistema della raccolta differenziata, infatti, dovrebbe comportare costi sensibilmente minori e di conseguenza una significativa riduzione della tassa, nonchè benefici per l’ambiente, per l’occupazione e per il decoro urbano; ma a Giulianova – chissà perchè – accade il contrario (ricordiamo la promessa mancata dell’Ecocentro, mai attivato,  che pur avrebbe portato benefici ai cittadini).
Dunque l’aumento delle cartelle Tari deriva dall’inadeguatezza delle scelte politiche e  della attività amministrativa di Mastromauro:  è lei, sindaco, il direttore d’orchestra che fa suonare uno spartito inadeguato! E al di là della martellante propaganda mediatica i brutti risultati sono sotto gli occhi di tutti.

 

Il Cittadino Governante

Il turboregime che va a balle

bugie-politici-economiaA Giulianova ci sono alcune persone che hanno perso il senso del limite. Capita sovente di questi tempi e non solo a Giulianova, ma siccome esse hanno il delicato compito di amministrare beni e servizi pubblici le loro azioni e le loro parole non possono passare sotto silenzio.
Sul bilancio di previsione 2015 abbiamo detto la nostra, sia con interventi in consiglio che  con un comunicato, saldamente ancorati alle cifre degli ultimi bilanci comunali;  poi abbiamo dovuto commentare il comunicato del consigliere Di Teodoro che, forse trascinato dal dover difendere il sindaco suo collega di studio, ha confuso argomenti e numeri.
 Ora l’ufficio di staff del sindaco fa affacciare alla ribalta - a noi pare un po’ temerariamente, per la verità – l’assessore Verdecchia e le fa dire: “Il sindaco e il capogruppo Di Teodoro hanno ragione relativamente a quanto da loro affermato. Non ha invece ragione Arboretti.” 
Ohibò! E che ruolo ha la signora Verdecchia, e con quale cursus honorum lo ha acquisito per ergersi a giudice nella disputa? Noi, ad esempio, stiamo ancora aspettando la risposta che ci deve sul PRUSST ex SADAM: perché il Comune non ha ottenuto il 10 % dell’intero valore dell’intervento come prevede la legge?Si tratta di circa 7 milioni di euro in opere pubbliche.

Il M 5 Stelle chiede la sospensione dell'aumento delle tariffe Ruzzo

Acqua-dirittoIl Movimento 5 Stelle Tortoreto e il Movimento 5 Stelle Giulianova chiedono al presidente Forlini la sospensione dell’aumento delle tariffe (fino a + 6.5%) previsto nel piano industriale della Ruzzo S.p.A.
Negli scorsi giorni si sono verificati in tutta la provincia (anche all’interno) pesanti problemi alla rete di distribuzione, oramai vecchia e desueta, che hanno provocato disagi alla popolazione e alle attività commerciali, e costretto in alcuni casi alla chiusura momentanea ristoranti e altre attività turistiche. Problemi anche negli alberghi, dove i turisti hanno giustamente protestato per la mancanza o l’eccessiva scarsità d’acqua, imputabili alla rottura delle condotte e non ad altri fattori.
Da segnalare anche la scarsa efficienza dei depuratori (anche essi desueti), che ha portato a divieti di balneazione in differenti località della provincia, con i conseguenti danni alla salute dei villeggianti e di immagine per le nostre città.

E’ sicuramente vero che la popolazione raddoppia nel periodo estivo, ma tali disservizi sono dovuti principalmente alla rete di distribuzione poco funzionale, alle perdite e alle rotture.
Chiediamo al presidente Forlini di dare una tangibile prova di buona amministrazione, ossia rimodernare la rete, migliorare la sua efficienza e quella dei depuratori, e solo dopo dare il via libera agli aumenti previsti.
Ci aspettiamo inoltre una riduzione delle premialità sulla realizzazione dei progetti dei nuovi depuratori e un taglio delle indennità dei dirigenti, che permetterebbero di risparmiare soldi dei contribuenti.

Margherita Trifoni - Movimento 5 Stelle - Giulianova

Luca Palanca - Movimento 5 stelle - Tortoreto

Bilancio di previsione 2015: i numeri vi inchiodano, i sofismi sono inutili

Arboretti-FrancoL’avvocato Mastromauro ed il suo collaboratore di studio avv. Di Teodoro (capogruppo della lista personale del sindaco, nonché suo assiduo difensore in consiglio) danno l’impressione di aspirare ad essere esponenti di un’amministrazione da fiaba.
Vogliono che dopo ogni delibera (di giunta o consiliare) tutti  i cittadini siano felici e contenti e così sciorinano racconti fantasiosi che tentano di far apparire Giulianova come la città meglio amministrata al mondo.
E non lasciano nulla di intentato perché i governati diventino creduloni. Anche facendo il possibile per non far sapere a nessuno come stanno veramente le cose, come è successo in occasione del bilancio di previsione del 2015, quando non è stata consegnata per tempo la documentazione, costringendo vari gruppi di opposizione a disertare il consiglio.  

Leggi tutto: Bilancio di previsione 2015: i numeri vi inchiodano, i sofismi sono inutili

Bilancio comunale 2015: si spende ancora troppo, si spende male, si tassa molto e iniquamente

In relazione alle notizie di stampa inerenti il consiglio comunale del 7 agosto sul Bilancio di previsione 2015, vorremo precisare che Il Cittadino Governante ha partecipato al dibattito consiliare ed è stato l’unico gruppo che ha ampiamente argomentato, con analisi e proposte, il voto contrario espresso. 
Dopo aver esaminato attentamente la documentazione del bilancio di previsione 2015 – consegnata, tra l’altro, in forte ritardo -  siamo in grado di dire con certezza che il sindaco ed il suo staff diffondono notizie false facendole recepire ai mezzi di informazione e quindi all’opinione pubblica.
Scrive in un comunicato lo staff del sindaco: “a livello nazionale si è avuto un incremento progressivo della pressione fiscale comunale, passata dai  505,5 euro 2011 ai 618,4 euro pro capite 2014”. E ciò corrisponde al vero.
Poi aggiunge: “A Giulianova meno pressione fiscale e livelli dei servizi inalterati nonostante i tagli che abbiamo dovuto subire, compreso l'ultimo, risalente al gennaio di quest'anno, di 2 milioni e 600mila euro, che, in aggiunta ai 4,8 mln in meno dal 2010 al 2014, ha portato il totale dei tagli a 7 milioni e 400 euro.
Falso, tutto falso, infatti:
1)      I tagli dello Stato per il Comune in 6 anni dal 2010 al 2015 sono stati di 4.065.204 euro; quelli della Regione 881.885. In totale, quindi, tra il 2010 ed il 2015 i trasferimenti finanziari al Comune sono stati ridotti di 4.947.084 euro e non di 7 milioni e 400 euro. A tal proposito, al di là delle cifre gonfiate, vorremmo dire che non ci si può strappare le vesti per una riduzione delle risorse mediamente di 824.514 all’anno, quando questa amministrazione, nonostante la raccolta differenziata sia al 67%, ci fa spendere, da tempo, 2-3 milioni di euro in più ogni anno per la gestione dei Rifiuti rispetto a quelli che dovrebbero essere i costi di una gestione oculata e responsabile.
2)       La pressione fiscale comunale pro capite – calcolata, secondo l’indicazione della Corte dei Conti, sommando IMU, TASI, TARI e Addizionale IRPEF comunale - a Giulianova nel 2014 è stata di 660,99 euro  e nel 2015 sarà di 682,10 euro: ben superiore a quella nazionale media che è di 618,4 euro.
E per concludere lo staff del sindaco racconta ai cittadini: Giulianova si connota come una delle non numerose realtà in cui la TARI va giù del 10%senza però toccare i servizi pubblici”.
Anche questo è falso:
Dal consuntivo dello scorso anno si apprende che la TARI pagata dai cittadini è stata di 5.214.000 euro (+ 600.000 euro di agevolazioni a carico della fiscalità generale); dal previsionale del 2015 si legge che la TARI da pagare è di 4.999.000 euro (+ 410.000 euro di agevolazioni a carico della fiscalità generale). Quest’anno rispetto al 2014 il risparmio per la TARI  da pagare è di soli 215.000 euro, cioè il 4% in meno, non il 10%. E va anche aggiunto che i cittadini nel 2012 (prima delle grandi stangate) pagavano 4.588.000 euro e, quindi, per il momento le risibili riduzioni previste sono ben lontane sia dall’importo del 2012, sia da quello più congruo, cioè 2-3 milioni di euro in meno all’anno.
Sulle Entrate e sulla Spesa ci sarebbe molto da dire, ma in questa sede vorremmo solo far notare che:
·         la spesa corrente, rispetto al consuntivo del 2014, cresce  di 1.114.000 euro, col rischio di minare sempre più  il traballante  equilibrio finanziario comunale.
·         L’IMU, rispetto al consuntivo del 2014, viene aumentata di 1.307.000 euro.
Le opere pubbliche sono quasi inesistenti. È scomparsa la sistemazione del Lascito Cerulli che quindi rischiamo di perdere. Da quelle in elenco emerge, tra l’altro, che in questa città accadono fatti paradossali come questi: si tagliano numerosi alberi dalla folta chioma per realizzare un tratto di pista ciclabile – oltretutto pericolosa; si concedono come lotti edificabili due aree pubbliche destinate a verde nella E2 turistica per pagare parte della ristrutturazione di un campo di calcio (il Castrum).

Il sindaco-prezzemolo e la scuola

sindaco prezzemoloMastromauro già incapace di gestire le questioni che gli competono in città, si occupa di argomenti che sono del tutti estranei alle attività di un Sindaco. “Mastro-prezzemolo”, intromettendosi sulle questioni scolastiche della settimana corta Si/No, mette in discussione le decisioni prese dal Consiglio di Istituto, andando contro quelli che sono i principi di autonomia della scuola.

Leggi tutto: Il sindaco-prezzemolo e la scuola

Il Movimento 5 stelle risponde al sindaco

consumo-di-suoloDopo le esternazioni del Sindaco in Consiglio Comunale, che ha definito il Movimento 5 stelle Giulianova a favore della cementificazione, troviamo doveroso rispondere.
Forse Sindaco, sta confondendo la sua politica devastatrice e totalmente in favore dei soliti speculatori edili, con il nostro senso civico in favore dei cittadini e del bene pubblico.

Visto che lei ha la memoria corta, glieli ricordiamo noi i suoi scempi:
1) approvazione permessi di ampliamento per le strutture alberghiere con uno sviluppo pari a 24 metri nelle così dette zone E5;

2) permesso di costruire nuovo supermercato Eurospin, zona lidl, dove già in questi giorni é fallito un supermercato;

3) Variante PRG del 2013 chiamata: " riqualificazione dell'annunziata" dove è stato approvato uno scempio urbanistico( basta andare e vedere la bruttezza delle nuove palazzine sul lungomare;)

4) distruzione dell'area ex mercato coperto con edificazione dell’area"Migliori/Longari" e la futura caserma in progetto, recinto alto 4 metri, che lei vuol realizzare;

5) Palazzo Gavioli bloccato dalla magistratura, oggi uno scheletro a far bella mostra sul lungomare;

6) Nuova piazza “ex golf bar”, di cui lei Sindaco va tanto fiero, già verde e fruibile a tutte le ore, oggi senza un albero, d'estate un forno a cielo aperto;

7) Variante Orsini su una zona a fortissimo rischio idrogeologico;

8) Nuovi chioschi e ampliamento di quelli esistenti che tolgono verde pubblico e aumentano solo il business di qualche privato.

Oltre la sua incapacità di ripiantare 4 alberi in piazza della libertà, piazza Buozzi, area verde Rocca e parchi dove i pini sono caduti.
Potremmo andare avanti per altri 10 progetti ma ci fermiamo qui, diciamo solo che prima di aprire bocca rifletta su quello che dice e che ha fatto in questi anni per la nostra comunità. Visto il suo interessamento ai pellegrinaggi, le consigliamo il cammino di Santiago de Compostela così da riflette meglio sul suo operato di questi anni.

Movimento 5 stelle -Giulianova-

Annunziata: la storia completa del contratto di quartiere. Si correggano almeno le scelte sbagliate ancora migliorabili

Annunziata aereoEnnesimo passaggio in consiglio comunale del Contratto di Quartiere dell’Annunziata avviato dal centro-destra di Cameli nel 1998 e approvato poi nel 2000 anche dall’opposizione di centro-sinistra capeggiata da Mastromauro:  sono occorsi, per il momento, ben diciassette anni!
E nel frattempo tanto altro cemento si è aggiunto nell’ambito della 167 e tanto altro se ne aggiungerà grazie all’utilizzo maldestro di una legge che serviva per riqualificare i quartieri degradati ma che qui a Giulianova ha avuto una traduzione amministrativa paradossale e sconcertante: hanno ritenuto di  “riqualificare” un quartiere criticato per l’eccesso di costruzioni con altro cemento e asfalto e hanno deciso di “regalare” 1000 mq. di verde pubblico  per far realizzare un parcheggio privato nel cuore  del parco !

Leggi tutto: Annunziata: la storia completa del contratto di quartiere. Si correggano almeno le scelte...

Prove tecniche di regime per far rifulgere ciò che splendente non è

tari bilancioÈ iniziato prima del solito, da parte del sindaco, il lavoro di imbonimento dei cittadini a base di depistaggi ed enfatizzazioni in vista della discussione in consiglio del bilancio di previsione 2015.  Evidentemente molto preoccupato dalle critiche che, a ragione, gli potranno essere mosse, comincia, senza alcun pudore, ad autoesaltarsi e a presentare come miracoli fatti di nessuna rilevanza.

Leggi tutto: Prove tecniche di regime per far rifulgere ciò che splendente non è

Mancanza di personale ECO.TE.DI

eco.te.diI dipendenti della Eco.Te.Di., lamentano il mancato rispetto degli accordi da parte del gestore dei rifiuti, che avrebbe dovuto aumentare il personale durante la stagione estiva.
Gli attuali lavoratori sono infatti a malapena sufficienti a far fronte alle esigenze della città durante il periodo estivo, in cui la popolazione e di conseguenza il lavoro per gli operatori della Eco.Te.Di., aumentano in maniera considerevole.
Chiediamo alla ditta che si occupa della raccolta rifiuti e all'assessore Ruffini di garantire il servizio rispettando gli impegni presi (tra cui la realizzazione dell’isola ecologica promessa anni fa dal sindaco nel programma elettorale Giulianova 2020 e mai realizzata), e dunque di aumentare il personale stagionale in servizio, al fine di garantire un servizio più efficiente.

Movimento 5 Stelle - Giulianova -

La “vongola ubriaca” nel parco

vongola ubriacaTutti avranno notato la recinzione da cantiere nel mezzo del piccolo parco in fondo a via Matteotti.
Non tutti sanno però che lì l’amministrazione ha avuto la “brillante idea” di farci realizzare un ristorante.
Tutti, però, comprendono che:
·         quel luogo ha una grande importanza paesaggistica nell’identità giuliese ed è, insieme a Salita Montegrappa, la via d’accesso pedonale al centro storico;
·         quello è un sito posto alla base della collina, pertanto molto delicato sotto il profilo idrogeologico (sappiamo quanto è importante la presenza di terreno piantumato per assorbire l’acqua piovana ed aumentare la stabilità del territorio);
·         quella è l’unica area di verde pubblico presente nella zona centrale del lido, ad ovest della Nazionale.
Quindi, a persone responsabili e di buon senso – come dovrebbero essere coloro che  amministrano la cosa pubblica – dovrebbe apparire naturale e logico salvaguardare quella bella quinta di verde, tentando semmai di potenziarne la parte botanica.
A Giulianova no, il sindaco e la sua giunta hanno pensato di inserirci una costruzione lunga 14 metri, larga 8 metri ed alta 3 metri e 50 con tanto di canna fumaria e via di accesso, il tutto finalizzato alla realizzazione di un ristorante che  hanno chiamato “eufemisticamente” chiosco!

Leggi tutto: La “vongola ubriaca” nel parco

Presentato dal Consigliere Comunale Margherita Trifoni la mozione sul “Baratto Amministrativo”

baratto amministrativoDalla cura del verde al recupero di aree degradate: la misura è prevista dallo Sblocca Italia per compensare le tasse comunali arretrate e quelle future- In pratica, offre la possibilità di ridurre o esentare dai tributi comunali i cittadini incapaci di pagare a fronte di interventi per la riqualificazione del territorio eseguiti singolarmente o insieme.

Leggi tutto: Presentato dal Consigliere Comunale Margherita Trifoni la mozione sul “Baratto Amministrativo”

Lungomare sud: tutti i nodi vengono al pettine

PIsta ciclabile GiulianovaL’avevamo detto (leggi il nostro comunicato stampa del 18 marzo 2015) - per tempo e nel silenzio dei più - ma l’ostinata presunzione di un sindaco spesso arroccato nelle sue convinzioni tanto granitiche quanto sterili o dannose, ci rifila, assecondato dalla giunta e dalla sua maggioranza, l’ennesima ciofeca con annesso cospicuo sperpero di soldi pubblici.
Stiamo parlando della pista ciclabile sul lungomare sud e di tutto quello che ha comportato la sua realizzazione: taglio di una decina di pini, restringimento della carreggiata (è proprio così, progetto alla mano, assessore Di Giacinto!), promiscuità pedoni- ciclisti, perdita di parcheggi, coesistenza con innumerevoli attraversamenti  per via delle attività esistenti, pericolosità per tutti (pedoni,ciclisti, automobilisti).

Leggi tutto: Lungomare sud: tutti i nodi vengono al pettine

È veramente da abbattere la scuola elementare di Via Lepanto?

Scuola via lepanto 01C’è la possibilità a Giulianova di fare una serie di cose razionali con benefici per tutti e invece ciò non accade:
Si potrebbe dare una sistemazione più adeguata alla scuola materna di via Simoncini trasferendola all’interno dell’edificio esistente nel parco dell’Annunziata: bimbi a scuola in un parco, una meraviglia!
In questa maniera lo stabile che attualmente accoglie la scuola materna potrebbe  divenire la nuova sede della Croce Rossa (scongiurando il rischio che essa possa andar via da Giulianova)
Conseguentemente la scuola media dell’Annunziata riacquisirebbe tutti i suoi spazi ed il suo decoro.
Si potrebbe fare da tempo, ma finora l’amministrazione comunale non ha voluto- e non si sa bene per quale motivo - nonostante il comitato di quartiere dell’Annunziata si sia espresso in tale direzione. Chissà, forse i comitati di quartiere servono solo per far mettere i fiori all’occhiello al sindaco e agli assessori?

Leggi tutto: È veramente da abbattere la scuola elementare di Via Lepanto?

Scossoni di maggioranza

taglio-MASLa spaccatura di venerdi’ sera verificatasi in consiglio comunale evidenzia le crepe di una maggioranza che inizia a risentire della pessima amministrazione del sindaco. Cosa mai verificatasi negli ultimi venti anni, il PD ha abbandonato il consiglio comunale, in una farsa consumatasi nell’assise civica. Prima un battibecco tra Ragni (Civicamente) e Filipponi (PD) sul rinvio del punto sulla costruzione del supermercato Eurospin, poi la clamorosa uscita dei rappresentanti del Partito Democratico e il rinvio di tutti i punti restanti del consiglio.

Leggi tutto: Scossoni di maggioranza

La maggioranza (con pezzi dell’opposizione) autorizza lo sfregio paesaggistico del lungomare giuliese

 

Consiglio-5-giugno-2015Avevamo richiamato l’attenzione qualche giorno prima del consiglio di ieri su alcuni temi che sarebbero stati discussi, tra questi uno riguardante la qualità urbanistica della zona alberghiera. Assecondando l’impropria, e probabilmente interessata, richiesta di un tecnico l’amministrazione comunale, senza motivazione alcuna, stava per ridurre le distanze tra fabbricati nella zona alberghiera, a soli 10 metri (e in alcuni casi anche a meno!). 

Leggi tutto: La maggioranza (con pezzi dell’opposizione) autorizza lo sfregio paesaggistico del lungomare...

Un consiglio da seguire con attenzione

Panoramica sotto collinaSono in ballo: il rispetto del paesaggio collinare e litoraneo, la qualità urbanistica della zona alberghiera, la tutela delle piccole attività commerciali che ancora resistono eroicamente in città.
 
Venerdì 5 giugno a partire dalle ore 17  si terrà un Consiglio Comunale  molto importante  perché offre la possibilità di trovare le migliori soluzioni su tre questioni cruciali per la vita cittadina:
Salvaguardare il paesaggio collinare sotto al centro storico ad ovest di piazza Dalla Chiesa.
Conservare le norme che nel PRG stabiliscono attualmente congrue  distanze dai fabbricati per gli hotel  (che con le norme vigenti possono arrivare a 24 metri di altezza).
Impedire l’autorizzazione a costruire l’ennesimo centro commerciale sulla statale Adriatica.
Sui tre argomenti il Cittadino Governante – con spirito costruttivo – ha avanzato alcune proposte affinché il Consiglio si orienti verso le opzioni più opportune per la città.
Non sono scelte di poco conto e soprattutto possono creare danni irreversibili nel nostro bel territorio e nel nostro tessuto economico-commerciale.
Per questi motivi auspichiamo che tutti i consiglieri, sia di maggioranza che di opposizione, riflettano attentamente prima di esprimere il voto sui tre punti presenti nell’ordine del giorno del consiglio comunale di venerdì prossimo.
 
 Il Cittadino Governante     associazione di cultura politica

Cittadini giuliesi vi interessa sapere come la giunta Mastromauro spende i nostri soldi?

conti-in-rossoIn questa città si spende troppo e male e si tassa in maniera esagerata e poco equa la popolazione.
Il Cittadino Governante invita tutti i cittadini a partecipare all’incontro che si terrà 
 
venerdì 29 maggio alle ore 18 presso la Sala Buozzi di Giulianova Paese sul tema: “Come sono stati spesi i nostri soldi in Comune nel 2014?"
 
Il Cittadino governante
associazione di cultura politica

Leggi tutto: Cittadini giuliesi vi interessa sapere come la giunta Mastromauro spende i nostri soldi?

I venditori di fumo

bilancio-consuntivoLe promesse e le bugie del sindaco si sono schiantate contro la tragicità dei numeri del bilancio della nostra città.
Le tasse sono aumentate in media del 17% (aumenti TASI, TARI) mentre la città versa nell’incuria più totale. La spesa del comune è aumentata nel 2014 di ben 7 milioni di euro, per far fronte alle promesse della campagna elettorale, ossia voucher e lavori temporanei.
Anche se volessimo togliere il debito per l’esproprio del parco Franchi (4,5 milioni) ci sarebbero più di 2 milioni di euro di spesa in più!
Il saldo di cassa, ossia i soldi a disposizione del comune dal 2012 al 2014 è passato da 6, 8 milioni di euro a 400.000 euro, ossia hanno dilapidato più di 6 milioni di euro in tre anni: le casse sono vuote!

Leggi tutto: I venditori di fumo

Nel nostro comune si tassa molto perchè si spende troppo e male

eiopagoSi è tenuto venerdì scorso il consiglio comunale per l’approvazione del bilancio consuntivo del 2014.
Ancora una volta la maggioranza ha voluto soffocare il dibattito consiliare. Quello che tradizionalmente si è sempre fatto, e cioè concedere una decina di minuti in più ai soli capigruppo (sia di maggioranza che di minoranza) data la complessità dell’argomento all’ordine del giorno, questa volta non è stato possibile. La richiesta in tal senso del capogruppo del Cittadino Governante è stata respinta con la forza bruta dei numeri di una maggioranza che, evidentemente, di democratico ha ben poco.

Leggi tutto: Nel nostro comune si tassa molto perchè si spende troppo e male

cerca nel sito

Attualità

Sport

Politica

Cultura

Varie

ditelo@giuliaviva.it

  • 1
  • 2
Prev Next

Pini e passerelle: Una buona a…

Politica

Pini e passerelle: Una buona amministrazione non ripianterebbe i pini in viale Orsini e abbatterebbe le passerelle in cemento di viale di Vittorio

La manutenzione ordinaria e straordinaria è un capitolo decisivo per avere una città decorosa e funz...

"Luci e ombre del corpo. …

Cultura

"Luci e ombre del corpo. Scrivere il corpo nell’arte e nella poesia" venerdì 11 agosto al MAS

Venerdì 11 agosto 2017, alle ore 18.30, il Museo d’Arte dello Splendore di Giulianova, organizza Luc...

Mancanze troppo gravi per un'a…

Politica

Mancanze troppo gravi per un'amministrazione comunale

Nel Consiglio Comunale di lunedì 31 luglio il Cittadino Governante ha contestato, tra le altre cose...

Un passo avanti verso una razi…

Politica

Un passo avanti verso una razionale rete ospedaliera provinciale

Riteniamo che l’incontro tenutosi ieri a Pescara con il Presidente della Regione Abruzzo Luciano D’A...

La maggioranza non si presenta…

Politica

  Ieri era stato convocato il Consiglio Comunale  e alle 18,30 eravamo presenti - ...

A Giulianova chirurgia general…

Politica

A Giulianova chirurgia generale e ortopedia non possono essere chiuse

Nella provincia di Teramo il Decreto Lorenzin prevede 933  posti letto per acuti  e  ...

Ordine del giorno sulla sulla …

Politica

Ordine del giorno sulla sulla scuola di Colleranesco e sulla Pagliaccetti

Presentato quasta mattina al protocollo generale del comune di Giulianova dal gruppo consiliare de ...

Operazione Castrum: siamo pro…

Politica

Operazione Castrum:  siamo proprio sicuri che il sindaco non potesse sapere?

Il sindaco, dopo gli arresti e gli avvisi di garanzia avvenuti con l’Operazione Castrum ha affermato...

Articolo 1- MDP di Giulianova …

Politica

Articolo 1- MDP di Giulianova lancia un messaggio di unità all’intera maggioranza

Nell’attuale e delicata situazione che sta attraversando l’amministrazione comunale di Giulianova an...

“Polvere di stelle”, in piazza…

Varie

“Polvere di stelle”, in piazza Buozzi,  il 14, 15 e 16 luglio

Appuntamento è con il cabaret e il teatro con “Polvere di stelle”, un evento organizzato da Furio di...

Il Messico apre la 18 edizione…

Varie

Il Messico apre la 18 edizione del Festival Internazionale di Bande Musicali

Sarà una banda messicana di 140 elementi a dare il via al 18esimo Festival Internazionale di Bande M...