Domenica, Giugno 25, 2017

 

area riservata

Conferenza stampa delle forze di opposizione

In risposta al comunicato stamoa diffuso dallo staff del sindaco, le forze di opposizione hanno convocato una conferenza stampa per illustrare le innumerevoli perplessità espresse dai consiglieri comunali in merito alla deliberazione di giunta relativa all'approvazione del bilancio di previsione 2016.

 

Bandiera Blu: niente da fare

gianluca-grimiCome altre località del litorale teramano, anche Giulianova non ha ottenuto per il 2016 l'assegnazione della Bandiera Blu. L'assessore al Turismo Gianluca Grimi non nasconde la sua delusione per il mancato ottenimento. “Eppure – dichiara l'assessore – avevamo le carte in regola. Ce lo ha riconosciuto anche il presidente di FEE Italia Claudio Mazza, il quale si è complimentato per l'ottimo lavoro propedeutico da noi svolto ma che, per una complessità di fattori indipendenti dalla qualità delle acque, che sono di elevata qualità a Giulianova, non ha consentito di conseguire l'obiettivo. Sono davvero dispiaciuto perché abbiamo mancato l'obiettivo per pochissimo. D'altra parte è una condizione, questa, che ci fa affiancare ad altre località che egualmente non hanno ottenuto il vessillo pur a fronte di una qualità delle acque eccellente. In ogni caso già è stato concordato per ottobre un incontro con il presidente della FEE per smussare gli angoli, diciamo così, che ci hanno impedito quest'anno di ottenere la Bandiera Blu”.

Assemblea al Kursaal. L’indignazione dei cittadini: l’amministrazione non maltratti i parchi pubblici

Kursaal 7 maggio 3Sabato pomeriggio, al Kursaal, significativa presenza di cittadini che hanno scelto di dare vita  all’assemblea pubblica promossa dal Cittadino Governante e dal Movimento 5 Stelle sul  tema “Via il cemento e l’edificazione da parco Franchi, chiediamo che esso sia più verde”.
L’iniziativa è stata presentata e moderata dal prof. Andrea Palandrani  ed illustrata dai consiglieri comunali Franco Arboretti e Margherita Trifoni.
 I tanti cittadini presenti hanno seguito con grande attenzione e sottolineato con calorosi e convinti applausi quanto man mano veniva detto e illustrato.
 

Leggi tutto: Assemblea al Kursaal. L’indignazione dei cittadini: l’amministrazione non maltratti i parchi...

Via il cemento e l’edificazione da Parco Franchi

CITTADINO GOVERNANTE E MOVIMENTO 5 STELLE 

INVITANO I CITTADINI ALL’ASSEMBLEA PUBBLICA CONVOCATA

PER LA DIFESA DEI BENI COMUNI

SABATO 7 MAGGIO ALLE 17.30 NELLA SALA KURSAAL

 

evento-7-maggioIl nostro lungomare dichiarato di notevole interesse pubblico dal Decreto Ministeriale del 1964, ben lungi dall’essere tutelato, viene, purtroppo, sempre più offeso e sfregiato. 
Le sue parti di maggior pregio, da anni, vengono ferite e deturpate: il Kursaal minacciato dal grezzo sequestrato dalla magistratura; la vista mare oscurata in maniera esagerata in molti tratti; il lungomare monumentale condannato allo squallore dall’incuria e dalle scelte sbagliate; gli alberi tagliati e mai  ripiantati; il cemento, l’asfalto e le auto prendono sempre più il sopravvento sui pedoni, sui ciclisti e sul verde.

Leggi tutto: Via il cemento e l’edificazione da Parco Franchi

La maggioranza è sempre più scalcinata.

Ragni-MustoneFiniti i soldi, vengono fuori gli enormi problemi : il gruppo Civicamente ha presentato nell’ultimo consiglio comunale un emendamento per riduzioni sulle tasse dei rifiuti di 14.000 euro, respinto dagli altri gruppi di maggioranza. E’ un segnale di crisi politica, evidenziatosi in un duro passaggio contro il segretario Pd Filipponi da parte di Ragni, che si lamentava – giustamente – che ormai il ruolo della politica è subordinato totalmente ai dirigenti. La bocciatura di una detrazione condivisibile per mancanza di 14.000 euro, ci sembra solo un pretesto per far capire al gruppo Civicamente chi comanda in maggioranza e da chi sono prese le decisioni.

Lo scorso anno il PD era uscito dall’aula per protesta, quest’anno Civicamente ha votato contro i punti sulle tasse: un altro segnale che evidenzia lo stato di difficoltà della maggioranza ridotta a passacarte delle decisioni del sindaco.
In una sorta di delirio onirico il sindaco ha anche paragonato la città a una nave che rientra in porto: dite al sindaco che la nave della sua maggioranza sta andando a sbattere contro gli scogli, e con lui purtroppo tutta la città.
Le tasse aumentano, ossia Bucalossi, Tari, Imu, le detrazioni vengono azzerate e non ci sono più soldi in cassa. Alcuni alberghi non pagano da anni le tasse mentre la cittadinanza è stata accusata dal sindaco durante il consiglio di evasione...come se i cittadini e le attività si divertissero a non pagare le tasse.
La maggioranza perde pezzi, e oramai al sindaco non resta che qualche avvocato - d’ufficio – che difende un operato fallimentare. Non durerete ancora molto.
 
 Movimento 5 Stelle  Giulianova

Il sindaco aumenta per l’ennesima volta la TARI, ma non vuole far sapere che la responsabilità è solamente sua e della sua maggioranza

logo-web CGPer il 29 aprile è stato convocato un consiglio comunale con numerosi punti all’ordine del giorno per decidere, tra l’altro, le tariffe dell’IMU e della TARI. La corposa e complessa documentazione è stata consegnata nel pomeriggio di martedì 26. Considerando che i consiglieri comunali lavorano, i tempi per lo studio e la conoscenza sono sostanzialmente inesistenti. Ma la forzatura non è solamente nei confronti del buon senso e del rispetto degli eletti del popolo, giacchè vengono calpestate, con noncuranza, persino le regole scritte che sono alla base del funzionamento delle istituzioni democratiche.

Leggi tutto: Il sindaco aumenta per l’ennesima volta la TARI, ma non vuole far sapere che la responsabilità è...

TARI: aumenti in vista

TARI aumentiLe tasse sono oramai insostenibili: nuovi aumenti per tutti.
L’ultima commissione consiliare che ha avuto ad oggetto la Tari, conferma la situazione di estrema gravità dei conti nella nostra città.
All’aumento della TARI che colpirà le utenze domestiche, ossia tutte le famiglie, si accompagna anche la cancellazione degli sgravi sulla tassa rifiuti, in particolare per anziani e fasce deboli. I cittadini differenziano sempre di più, ma le tasse aumentano: stiamo pagando il disastro CIRSU rifinanziato per volontà di Mastromauro, le sue promesse vane e la spesa fuori controllo degli anni 2013-2014, quando tutti i risparmi del comune sono stati utilizzati, guarda caso nel periodo che precedeva le elezioni del 2014.
Stessa sorte per le attività commerciali dove si riscontrano aumenti salatissimi intorno al 6% su base annuale.
Adesso per i cittadini è arrivato il tempo di pagare: le promesse fatte dal sindaco nel passato non serviranno a nulla.

Movimento 5 Stelle Giulianova
 
 
Area degli allegati
 
 
 
 
 

Via il cemento dal parco; vogliamo molto più verde nel parco

Panoramica flash mobIl freddo pungente non è stato sufficiente a fermare la voglia di partecipazione dei molti cittadini accorsi per difendere parco Franchi, il parco per eccellenza del lido di Giulianova.
Sono convenuti man mano intorno al banchetto dove si raccoglievano le adesioni alla protesta in corso contro l’edificazione nel parco, poi verso le 18.30 hanno dato vita a un flash mob di alcuni minuti creando una catena umana a difesa simbolica dello spazio pubblico destinato al verde urbano più amato e frequentato della città.
Erano presenti esponenti del Cittadino Governante e del Movimento 5 Stelle, tanti cittadini tra cui moltissimi giovani, l’on. Franco Gerardini, già sindaco della città, i consiglieri comunali Franco Arboretti e Margherita Trifoni, il dr. Nino Bertoni. Tutti insieme hanno lanciato un appello: “Via il cemento dal parco; vogliamo il parco più verde”.
Vedere tanti cittadini stringersi le mani perché accomunati dalla volontà di difendere un bene comune a cui tengono molto è stato un momento pieno di pathos, per certi versi toccante, sicuramente una testimonianza di alto civismo.
L’auspicio è che questi encomiabili  esempi di cittadinanza attiva e le numerose centinaia di firme raccolte in pochi giorni - nonostante l’inclemenza del tempo – a sostegno della richiesta di non cementificare il parco inducano ad una riflessione autocritica il Sindaco e la maggioranza.
La vivibilità cittadina e l’attrattività turistica hanno assolutamente bisogno di parchi senza edificazioni e con molto più verde, a partire da Parco Franchi e dal parco di via Matteotti.
In mancanza di rapide risposte a questi ragionevoli bisogni della cittadinanza e degli operatori turistici Il Cittadino Governante ed il Movimento 5 Stelle continueranno nella raccolta di firme e daranno vita ad altre iniziative democratiche.

 

Il Cittadino Governante

 

Movimento 5 Stelle 

Flash mob per salvare Parco Franchi dal cemento

Parco-Franchi-03Per salvare l’integrità di parco Franchi  continua il sit-in  organizzato dal Cittadino Governante e dal Movimento 5 Stelle.
Oggi pomeriggio 25 aprile a partire dalle 17 saremo di nuovo davanti al parco Franchi (ingresso sul lungomare) per informare su quanto sta accadendo e raccogliere adesioni  contro la cementificazione del parco.
 Intorno alle 18 vorremmo dare vita ad un flash mob  (una catena umana a difesa del parco) per cui auspichiamo di essere in tanti al momento dell’evento.
Crediamo sia un dovere civico provare a fare insieme qualcosa per salvaguardare un bene comune così importante come il parco storico del lido.
Finora (nonostante il maltempo)  sono stati tanti i cittadini che hanno aderito esprimendo indignazione per quanto sta accadendo all’interno di un bene comune fra i più importanti della città.
Tutti i cittadini sono invitati.

Giulianova 25 aprile 2016

 

                                                                                         Il Cittadino Governante

 

                                                                                         Movimento 5 Stelle Giulianova

Salviamo Parco Franchi dall’edificazione e chiediamo che sia ancora più verde

Parco-FranchiCari cittadini,

è comparso un cantiere sul fronte mare del parco Franchi: lì dove c’era il verde e i bambini potevano giocare liberamente stanno già scavando per la costruzione di un ristorante (chiamato eufemisticamente chiosco). È previsto un ingombro complessivo di circa 100 mq. (per una lunghezza di 16 metri e 35, una larghezza di 6 metri e 10); l’edificio  raggiungerà un’altezza di 4 metri e mezzo. Si intuisce facilmente, inoltre, che le ripercussioni negative sulla piena fruibilità del parco si sentiranno ben oltre l’area interessata.
E così il parco più famoso della città, che da decenni, sul lungomare, contribuisce a rendere bella paesaggisticamente Giulianova, invece di veder accrescere il verde - per la verità sempre più carente, tanto che avrebbe bisogno al più presto di un infoltimento - ospiterà nella sua prima fascia un’impattante barriera visiva al posto dei necessari nuovi alberi.
Dopo lo sfregio al parco di via Matteotti è giunta l’ora dell’accanimento nei confronti di parco Franchi, già da tempo abbandonato al suo destino di landa desolata, dove la fa da padrona la terra indurita a scapito della vegetazione.
Sconcertati, ci chiediamo perché mai il Comune abbia pagato oltre quattro milioni di euro per acquisirlo come parco pubblico nel cuore del Lido se poi il suo destino è quello di tenerlo in condizioni indecorose e di essere utilizzato per finalità improprie, di fatto privatizzato nella sua porzione più importante.
Un parco, per una comunità, comporta troppe cose utili e belle per non preoccuparsene. 
Un parco migliora il paesaggio urbano, anzi è esso stesso paesaggio di pregio. Un parco, nel centro della città, aiuta a lottare contro l’inquinamento. Un parco, specie se ubicato in luogo ameno  ha una grande funzione sociale per il tempo libero di tutti, in particolare dei bambini e degli anziani, e quindi  per il gioco, per lo sport, per l’incontro, per il riposo, per la lettura.
Un parco aiuta “naturalmente” il turismo e tutta l’economia, perché rende più bella, vivibile e attraente la città. Un parco, nel tempo, crea un habitat per tante specie vegetali e animali e contribuisce alla biodiversità. Un parco in centro favorisce stili di vita più sensati e più salutari: ci invita a rallentare la frenesia con cui ci muoviamo nel tempo e ci offre quello spazio che è sempre più contratto nei luoghi di vita. Un parco, nel cuore della città, valorizza tutto il contesto e, quindi, anche abitazioni, negozi, uffici e tutte le attività che vi si svolgono.
Perciò chiediamo che parco Franchi non venga edificato in alcun modo, anzi - con l’aiuto di botanici paesaggisti - venga reso più rigoglioso: solo questo farebbe il bene della nostra città.
 
Per salvare il parco, che vogliamo sempre più vivo e verde, per fermare democraticamente quanto è stato deciso dall’amministrazione comunale vi diamo appuntamento sabato 23 aprile a partire dalle ore 11 all’ingresso di parco Franchi, sul lungomare. Si continuerà poi nel pomeriggio dalle ore 16 e decideremo insieme quali altre iniziative promuovere nei giorni seguenti per far valere i diritti dei cittadini che vogliono salvaguardare il parco storico del Lido.
 
 
Giulianova 21 aprile 2016                            
Il Cittadino Governante
Movimento 5 stelle Giulianova

Grimi vai a casa!!

grimiIl Movimento 5 Stelle - Giulianova chiede le dimissioni dell’assessore Grimi.
Il momento economico è molto difficile per le attività commerciali giuliesi. La stagione estiva dovrebbe essere il momento in cui concentrare i maggiori sforzi per poter tirare il fiato. L’incontro di qualche giorno fa tra l’assessore Grimi e i commercianti per l’organizzazione degli eventi estivi ha avuto un esito che potremmo definire quasi disastroso.
L’atteggiamento di Grimi non può essere accettato, nei modi e nei toni: non può presentarsi ad una assemblea dicendo che non ci sono i soldi punto e basta e che i commercianti devono finanziarsi da soli. Il muro contro muro è inaccettabile, specialmente per l’organizzazione del cartellone estivo degli eventi, che determinerà il corso della stagione estiva in città.
Chiediamo a Grimi se i quasi 10.000 euro spesi per il ricorso perso per il fallimento del Cirsu, i 3.000 euro di risarcimento per l'ampliamento illegittimo, secondo il TAR, del palazzo dell'ex l'ufficio del registro al Paese, e i 7.000 euro di ferie arretrate pagate ad un dipendente andato in pensione (contro la normativa vigente come da noi dimostrato), non avrebbero potuto essere usati come contributo alle associazioni commercianti del lido e del paese.
Un assessore che afferma di non avere soldi per organizzare gli eventi estivi in una città che di turismo vive, dovrebbe prendere atto della inconsistenza del proprio ruolo e dimettersi.

 Movimento 5 Stelle Giulianova

Abbiamo speso oltre 4 milioni di euro per poi far edificare nel parco Franchi ? L’amministrazione non può offendere fino a tal punto Giulianova e i giuliesi: si fermi finchè è in tempo

Chiosco Parco Franchi 02È comparsa la recinzione di un cantiere sul fronte mare del parco Franchi: lì dove c’era il verde e i bambini potevano giocare liberamente stanno già scavando per la costruzione di un ristorante (chiamato eufemisticamente chiosco). È previsto un ingombro complessivo di circa 100 mq. ( per una lunghezza di 16 metri e 35, una larghezza di 6 metri e 10); l’edificio  raggiungerà un’altezza di 4 metri e mezzo. Si intuisce facilmente, inoltre, che le ripercussioni negative sulla piena fruibilità del parco si sentiranno ben oltre l’area interessata.
E così il parco più famoso della città, che da decenni, sul lungomare, contribuisce a rendere bella paesaggisticamente Giulianova, invece di veder accrescere il verde - per la verità sempre più carente, tanto che avrebbe bisogno al più presto di un infoltimento - ospiterà nella sua prima fascia un’impattante barriera visiva al posto dei necessari nuovi alberi.

Leggi tutto: Abbiamo speso oltre 4 milioni di euro per poi far edificare nel parco Franchi ? L’amministrazione...

Mastromauro, cattivo amministratore

Money-Black-HoleOramai siamo al ridicolo: Mastromauro che ha dilapidato 6 milioni di euro di fondo cassa, in un intervento di basso livello, dichiara che il Movimento 5 Stelle non ha competenza amministrativa.
Ben due anni fa abbiamo lanciamo l’allarme sui conti e sulla spesa del comune, ma non siamo mai stati ascoltati. Mastromauro negli anni 2013-2014, ossia l’anno della campagna elettorale e l’anno prima della campagna, ha aumentato la spesa che è oramai insostenibile e ha bruciato i risparmi dei Giuliesi, ossia 6 milioni di euro.

Leggi tutto: Mastromauro, cattivo amministratore

Al peggio non c’è mai fine: Mastromauro si dimetta

taglio detrazioni tariL’assessore Giovanardi ha annunciato le prime misure per far fronte al buco di cassa dal comune, ossia 400.000 euro di tagli alle detrazioni TARI previste per giovani coppie, attività commerciali, anziani.
Il Movimento aveva chiesto di alzare l’Isee richiesto per le detrazioni a giovani coppie e disabili, ma i nostri emendamenti sono stati bocciati. Stavolta si è sfondato il fondo del barile, annullando in pratica quasi tutte le detrazioni previste. Come al solito il PD e Mastromauro, avevano fatto dei trionfali comunicati stampa, ma dopo un anno la dura realtà li costringe a rimangiarsi la parola data.
Questi tagli sono il frutto della mala gestione dei soldi delle tasse pagate dai giuliesi: un buco di bilancio che ha azzerato il fondo cassa del comune e genera perdite ogni anno.
Anni di consulenze, il quarto dirigente, affitti dei locali (quando il comune ha a disposizione i propri locali), voucher e lavori temporanei. Ora l’asilo che rischia di essere ceduto, la Julia servizi che è stata svenduta per fare cassa, il taglio di tutte le detrazioni: un disastro.
Questa giunta di sinistra non ha nulla: architetti e avvocati continuano ad avere le consulenze, i dirigenti restano e percepiscono i bonus, mentre alla cittadinanza vengono aumentate le tasse.

Il Movimento 5 Stelle - Giulianova aveva denunciato due anni fa i problemi dei conti del comune e nessuno per due anni ci ha dato retta.
Inutile qualsiasi replica da parte di Mastromauro: sono i numeri che lo condannano, il resto è solo demagogia. Per il sindaco è giunto il momento di dare le dimissioni.

 Movimento 5 Stelle - Giulianova

Domenica 17 aprile si vota: andiamo a votare sì!

 

Venerdì pomeriggio durante lo svolgimento del consiglio comunale è stata scritta una brutta pagina della vita pubblica giuliese.
Il nostro gruppo consiliare ha proposto di approvare un appello a favore del Referendum sulle trivelle. Questo il testo:
 
“Il gruppo consiliareIl Cittadino Governante, ai sensi dell’art. 58 del regolamento del consiglio comunale, propone al massimo consesso civico di esprimere in merito al Referendum Popolare del 17 aprile 2016 la seguente MANIFESTAZIONE DI ORIENTAMENTO:

Leggi tutto: Domenica 17 aprile si vota: andiamo a votare sì!

Le bugie del progetto Paride

progetto-parideSi è conclusa la gara di affidamento per la progettazione e realizzazione dell’ammodernamento tecnologico degli impianti di illuminazione pubblica compresa di gestione e manutenzione ordinaria e straordinaria; il fantasmagorico progetto coinvolge ben 33 comuni della provincia di Teramo e si trova adesso ad un punto di svolta.
Il Presidente della Provincia “mai eletto dal popolo” Renzo Di Sabatino e tutto il Partito democratico provinciale, presentando le ditte aggiudicatarie, con grande soddisfazione hanno dichiarato che “si tratta di investimenti privati che al pubblico non costeranno nulla”.Dichiarazioni false e tendenziose, bugie che mistificano la realtà dei fatti.

Leggi tutto: Le bugie del progetto Paride

Vendita di Julia Servizi: Giulianova perde

logo-web CGSulle questioni importanti occorre essere seri.
La vendita di Julia Servizi non è stata un affare per la città ed i cittadini. Ogni trionfalismo è fuori luogo.
Per decenni, prima come servizio comunale, poi come Julia Servizi (partecipata al 100% pubblica), il Comune di Giulianova - grazie alle scelte lungimiranti a favore degli interessi generali compiute dalle amministrazioni di sinistra degli anni ’70 - ha avuto notevoli introiti, decisivi per gli equilibri di bilancio, pur erogando gas a prezzi concorrenziali.
Entrando nel merito della vendita appare ancora più chiaro che davvero Giulianova ha fatto un cattivo affare. Volete sapere perchè? Basta confrontare questi dati:

Leggi tutto: Vendita di Julia Servizi: Giulianova perde

Destra e Sinistra sono tutti uguali...?

Destra SinistraVorremmo parlare di un argomento di attualità che ci stà a cuore: in particolare del movimento che utilizza"Destra e Sinistra, Tanto sono Tutti Uguali!” spieghiamo il motivo della nostra indignazione e la decisione di scrivere, per una informazione rivolta a chi non conosce la storia politica di Rifondazione a livello regionale e a livello locale, crediamo che vada data una informazione puntuale. Rifondazione Comunista è l'unico partito che ha tenuto nel corso degli anni una linea di assoluta autonomia e denuncia, riscontrabile in anni e anni di dossier, manifestazioni, interrogazioni, emendamenti, mozioni, ecc.

Leggi tutto: Destra e Sinistra sono tutti uguali...?

Vendita Julia servizi: vincono gli amici del PD

Hera-commCome ampiamente previsto (anche sulla nostra pagina facebook) la Julia servizi è stata acquistata da una ditta di Bologna chiaramente vicina al Partito democratico, ossia la Hera Comm.
Mastromauro, supportato dal Pd e dalla sua maggioranza ha voluto far credere che la vendita fosse inevitabile, non ritirando il bando d’asta anche se è in corso il cambio della normativa sulla partecipate.
Una partecipata da sempre in utile, che fornisce gas ai Giuliesi, viene di fatto svenduta attraverso un’ asta a cui ha partecipato un solo offerente, ossia la Hera. Il bando stesso permetteva la vendita anche in caso di offerente unico. Mastromauro ha tirato diritto senza prestare ascolto alle nostre obiezioni, né a quelle delle altre forze di opposizione.
Arriveranno dunque oltre 5 milioni di euro, ma state certi che vigileremo su come verranno spesi e non vi permetteremo di dilapidarli come avete fatto per i 6 milioni di euro del fondo cassa del comune.
Vi siete presi la responsabilità di svendere il patrimonio cittadino: lo ricorderemo in futuro ai Giuliesi. Dovrete spiegare anche perché non avete dismesso la Giulianova patrimonio, che al contrario della Julia servizi non porta vantaggi economici alla città.

Movimento 5 Stelle Giulianova

Julia Servizi: una sola offerta, nessuna vera gara!

logo-web CGQualche settimana fa, a proposito della vendita di Julia Servizi, in un ordine del giorno presentato al consiglio comunale, il nostro gruppo consiliare diceva:
“Nel bando c’è scritto che la gara viene aggiudicata anche in presenza di una sola offerta; clausola certamente non conveniente per il Comune: ricordiamo che l’Ente in presenza di più offerte introitò circa 2 milioni di euro in più rispetto alla base d’asta nella vendita del Pioppeto, mentre nel caso dell’alienazione della scuola elementare Acquaviva, con una sola offerta, incamerò solo 12 mila euro in più sulla base d’asta.  Chiediamo di modificare il bando, allungando i termini, per garantire più offerte nella gara.
L’ordine del giorno è stato bocciato dalla maggioranza con la motivazione che comunque ci sarebbero state molte offerte data l’appetibilità della società da alienare. Noi abbiamo risposto che sarebbe stato più saggio e responsabile garantirsi, comunque, la partecipazione di più offerte, per tutelare al meglio il Comune ed i cittadini. Ed abbiamo commentato così: “Ci auguriamo veramente che ci siano più partecipanti, ma se così non sarà la responsabilità ricadrà tutta su di voi”.
Ieri è stata diramata questa notizia: “All'avviso d'asta per la cessione del 100% di capitale della “Julia Servizi” è pervenuta al protocollo, alle ore 12 di oggi, 7 marzo, un'offerta”.
È accaduto, quindi, proprio quello che temevamo, e questo non rappresenta certamente una soluzione vantaggiosa per il nostro Comune. Così, quindi, non solo perdiamo per sempre un gioiello di famiglia che nel corso degli anni ha fatto avere tanti utili alla collettività, ma non introitiamo nemmeno il prezzo che solo una vera gara può garantire!
Chiediamo: perché si è voluto, ostinatamente, agire in questa maniera?
Oggi non è un bel giorno per la nostra città. E ci dispiace molto.

 

Il sindaco non consegna i documenti sull’Ambito Sociale Tordino

ambitosocialetordinoMargherita Trifoni e il Movimento 5 Stelle – Giulianova annunciano il voto contrario alla proroga di due anni dell’Ambito Sociale Tordino, che si occupa di servizi sociali e che avrebbe dovuto essere sciolto a breve, ossia nel marzo 2016.
Il voto negativo è dovuto a una gestione che riteniamo essere del tutto insufficiente e opaca: il comune di Giulianova è il maggiore contributore (40% delle quote), ma oltre al pesante esborso annuo sono affiorati anche dei debiti fuori bilancio, per le prestazioni erogate negli anni 2011-2012. Circa 300.000 che saranno pagati in tre anni.

Leggi tutto: Il sindaco non consegna i documenti sull’Ambito Sociale Tordino

Julia Servizi e Julia Reti il comune deve fare le scelte giuste

logo-web CGProtocollato questa mattina un Ordine del giorno urgente  del gruppo consiliare "Il Cittadino Governante per cambiare".  Per le due partecipate vanno fatte scelte che pongano la nostra città al passo delle realtà più all’avanguardia nelle scelte energetiche con ricadute importanti, in prospettiva, sul nostro ambiente, sulla salute dei cittadini e sulle finanze comunali.

clicca qui e leggi l'Ordine del giorno

Aumento degli oneri concessori (ex Bucalossi)

BUCALOSSICon l’aggiornamento delle tariffe degli oneri di urbanizzazione, primaria e secondaria, per il prossimo quinquennio, la Giunta Mastromauro si appresta a ratificare per i giuliesi un nuovo aumento delle imposte locali. Infatti, per ottenere i futuri permessi edificatori di edifici residenziali, commerciali, turistici o direzionali si passerà da una tariffa di 1,90 euro/mc a 4,52 euro/mc (+238%) per le opere di urbanizzazione primaria, e da una tariffa di 3,47 euro/mc a 15,89 euro/mc per le opere di urbanizzazione secondaria (+458%). Già a fine anno inoltre il Comune aveva aumentato le tariffe dei diritti di segreteria per le pratiche edilizie tipo Permessi a costruire, SCIA e richieste di agibilità.

Leggi tutto: Aumento degli oneri concessori (ex Bucalossi)

Assemblea del quartiere Lido

assemblea comitato lidoCon una folta partecipazione di pubblico si è tenuta venerdì 12 febbraio presso il Kursaal l'assemblea pubblica del Comitato del quartiere Lido di Giulianova. Sicurezza e riqualificazione del centro del Lido le proposte illustrate ai cittadini intervenuti.

 

 

Castrum: Guerrucci, quando terminate i lavori?

castrumMentre il Sindaco Mastromauro alza la cortina fumogena della propaganda dell’ottimismo, annunciando fantomatiche e irrealistiche opere pubbliche tipo il teatro del Mare, il Palazzetto dello sport da 800 posti piuttosto che la riqualificazione di piazza Dalmazia e del corso Via Nazario Sauro, molti giuliesi e molte associazioni sportive si sono accorti che le opere del Campo Castrum- Tiberio Orsini dell’Annunziata sono in definitiva bloccate.

Leggi tutto: Castrum: Guerrucci, quando terminate i lavori?

L'assessore Guerrucci in conflitto di interessi

GuerrucciA partire dal suo insediamento Mastromauro, invece di concentrarsi sul bene di Giulianova, ha distribuito nomine e incarichi a compagni e amici. Con questo stile è stato dato l’incarico al neo Assessore ai Lavori Pubblici, Manutenzione e Verde Pubblico, Mobilità e Traffico, Francesca Guerrucci. Lo stessa maggioranza avrebbe polemizzato in merito, tanto che la Consigliera PD Vasanella in un suo post scriveva:“Se vuoi volare circondati di aquile, non di polli”.
L'Arch. Guerrucci con la nuova delega di Assessore assegnatagli dal Sindaco si ritrova con un doppio incarico, in quanto già titolare di una nomina per conto del Comune di Giulianova come tecnico connesso alle pratiche di denuncia dei sinistri. In pratica il neo Assessore si ritrova a dirigere gli stessi settori ricoperti dall’incarico professionale diretto e continuativo che gli è stato assegnato già da tempo.

Leggi tutto: L'assessore Guerrucci in conflitto di interessi

cerca nel sito

Attualità

Sport

Politica

Cultura

Varie

ditelo@giuliaviva.it

  • 1
  • 2
Prev Next

A Giulianova chirurgia general…

Politica

A Giulianova chirurgia generale e ortopedia non possono essere chiuse

Nella provincia di Teramo il Decreto Lorenzin prevede 933  posti letto per acuti  e  ...

Ordine del giorno sulla sulla …

Politica

Ordine del giorno sulla sulla scuola di Colleranesco e sulla Pagliaccetti

Presentato quasta mattina al protocollo generale del comune di Giulianova dal gruppo consiliare de ...

Operazione Castrum: siamo pro…

Politica

Operazione Castrum:  siamo proprio sicuri che il sindaco non potesse sapere?

Il sindaco, dopo gli arresti e gli avvisi di garanzia avvenuti con l’Operazione Castrum ha affermato...

Articolo 1- MDP di Giulianova …

Politica

Articolo 1- MDP di Giulianova lancia un messaggio di unità all’intera maggioranza

Nell’attuale e delicata situazione che sta attraversando l’amministrazione comunale di Giulianova an...

“Polvere di stelle”, in piazza…

Varie

“Polvere di stelle”, in piazza Buozzi,  il 14, 15 e 16 luglio

Appuntamento è con il cabaret e il teatro con “Polvere di stelle”, un evento organizzato da Furio di...

Il Messico apre la 18 edizione…

Varie

Il Messico apre la 18 edizione del Festival Internazionale di Bande Musicali

Sarà una banda messicana di 140 elementi a dare il via al 18esimo Festival Internazionale di Bande M...

Nomina della Mastropietro: com…

Politica

Nomina della Mastropietro: come fa il sindaco a dirsi estraneo ?

È necessario replicare all’affermazione del sindaco che nella conferenza stampa di venerdì scorso ha...

Operazione Castrum: uno scanda…

Politica

Operazione Castrum: uno scandalo che deve far riflettere

Il Cittadino Governante, come immaginiamo tutti i cittadini giuliesi, è  profondamente indignat...

L'acqua deve essere trasparent…

Politica

L'acqua deve essere trasparente

L’emergenza acqua potabile che si è avuta in questi giorni è un fatto veramente grave che mai sarebb...

Dopo tre anni Giulianova torna…

Varie

Dopo tre anni Giulianova torna la bandiera blu

Il riconoscimento è stato consegnato oggi, 8 maggio, al sindaco nel corso della cerimonia tenutasi a...