Sabato, Novembre 25, 2017

 

area riservata

Per Massimiliano

DAG 40 01Il 2012 è stato un anno triste, molto triste, ma anche un anno felice dove la morte e il ricordo sembrano rincorrersi per dare una continuità nella mente di coloro che ancora sono presenti su questa terra, il ricordo di una persona che si è manifestato un talento.
Peccato che molti non l’hanno conosciuto per poter apprezzare le sue bontà e la sua generosità nei confronti di molti che si sono trovati in difficoltà. Ma, chi l’ha conosciuto e quei pochi che gli hanno voluto bene, “forse tanti”, hanno potuto apprezzare il suo valore come padre e come uomo del popolo. Si toglieva qualcosa di suo per darlo agli altri, l’egoismo non faceva parte del suo costume: il suo nome è Camponi Massimiliano (Il Conte Max).
L’amministrazione comunale, nella persona del primo cittadino Francesco Mastromauro, ha voluto dedicargli un ulivo secolare, come rimarrà Massimo un uomo secolare, quindi immortale nella mente di coloro che gli hanno voluto bene. L’albero d’ulivo è stato sistemato in un impianto sportivo, la piscina, dove lui ha dato il massimo della sua prestazione tecnica. Un impianto dove lui ha partecipato al 60% della realizzazione iniziale. Io gli ho voluto un mondo di bene, da lui ho imparato tanto, un uomo che manca tanto a Giulianova, alla sua famiglia, alla collettività, ma solo Dio sa quanto mi manca.   

Pubbliche affissioni

DAG 39 02Spett.le Redazione Giuliaviva,
da qualche tempo e in particolare con questa amministrazione Giulianova ha assunto le sembianze di un’area periferica e degradata di una grande città metropolitana. Ormai sporca, rappezzata, spogliata del verde pubblico e altro ancora, ci sembrava opportuno segnalare un malcostume che ormai da molto deturpa l’immagine della nostra città. I pali della pubblica illuminazione di Via Nazario Sauro e parte di quelli in Viale Orsini, molte piante del lungomare e punti d’interesse pubblico sono ormai tappezzati dalle affissioni selvagge di locandine che pubblicizzano note attività locali. Ci viene anche spontaneo chiedere alla nostra amministrazione comunale se per queste locandine e la loro affissione sono pagate  il “Diritto sulle pubbliche affissioni Classe IV”(art.19 D.Lgs. N.507/1993).

Spettrale

ATS 39 03Nella spettralità in cui giace Giulianova paese che sembra quasi una rocca abbandonata dopo un’invasione barbarica, si nota in via Acquaviva quest’albero rinsecchito da più di tre anni che non fa altro che abbruttire quel bel torrione che ha di fronte dando al posto un’immagine lugubre e spettrale specie di notte. Esso è anche pericoloso perché potrebbe cadere da un momento all’altro minacciando l’incolumità di chi è di passaggio. E visto che è stato tolto il tiglio di piazza Buozzi che germogliava ma era malato e pericoloso (così dicono) non vedo perché non si provvede a sostituire questo cedro per abbellire quel poco di verde che c’è intorno e ridare un’immagine un po’ decente al posto. 

Almeno facciamoci due soldi...

DAG 39 01Gentile redazione, la foto che vi invio rappresenta quella che, per il marciapiede sud di via XXIV maggio, è ormai diventata la norma: auto parcheggiate e impossibilità di utilizzo da parte dei pedoni (le auto occupano molto spesso l’intera superficie calpestabile). Il mio suggerimento al Comune è quello di disegnare le strisce blu anche su quel tratto di marciapiede: per chi va a piedi sarebbe comunque impossibile utilizzarlo comunque, ma almeno entrerebbero un po’ di euro nelle casse comunali così bisognose. 

Gli sprechi

DAG 38 01Chissà se gli sprechi dell’illuminazione pubblica ricadranno sulla nuova tassa (la “Tares”). Be, nel quartiere di Villa Pozzoni l’uso del campo di calcetto non è stato disciplinato e di conseguenza viene utilizzato in modo scorretto. Spesso i fari dell’illuminazione del campo, vengono lasciati accesi anche quando non serve e anche di notte. Le segnalazioni fatte al sindaco e al vice sindaco, non hanno sortito effetto, ma almeno i cittadini giuliesi sono informati che gli sprechi saranno pagati dalla collettività.

Le promesse e il salotto buono

DAG 38 02Gentile redazione,
dopo tante inutili promesse durante la campagna elettorale, le condizioni di piazza Dalmazia non solo non sono migliorate, ma continuano a peggiorare giorno dopo giorno. Asfalto rattoppato, segnaletica orizzontale cervellotica e fuori luogo (inguardabili le finte aiuole spartitraffico), l’incrocio con via Sauro che si trasforma in piscina ad ogni minima pioggia, la pineta desolatamente priva di qualunque cura. E questo dovrebbe essere il “salotto buono” della città?

Che delusione

DAG 38 04Passeggiando qualche giorno fa per il centro storico, mi sono imbattuto nella struttura che potete ammirare nella foto che vi invio. Vedendola così, imponente, colorata e piazzata proprio al centro della strada  ho immaginato  fosse il nuovo arredo di Corso Garibaldi. Poi mi hanno detto che si trattava degli ennesimi lavori per riparare il fondo stradale, appena rifatto, ma già irrimediabilmente danneggiato: non potete capire la delusione...

La piazza “nuova”

DAG 38 03Gentile redazione,
Vorrei spezzare una lancia a favore della Piazza (Ex Golf-Bar) di recente costruzione, limitrofa al nostro porto. Nonostante inizialmente non sia stata tra i grandi sostenitori dello smantellamento del campetto di golf ed area circostante a favore della nuova piazza, devo riconoscere che è stata un ottima mossa di riqualificazione urbana. Visitandola ultimamente ho notato mutamenti in positivo. Non solo sono stati aggiunti elementi (alberi, siepi e decorazioni) perfettamente in sincronia con l’ambientazione moderna che hanno arricchito l’area, rendendola uno spazio più omegeneo, polifunzionale ed esteticamente migliore, ma anche lo stato di pulizia in cui viene mantenuta mi sembra più che buono. Ovviamente i soliti vandali ci sono, ma questa purtoppo non è un’ esclusiva di Giulianova, ma nel complesso darei a questa piazza una valutazione decisamente positiva.

Scuola Bivio Bellocchio: dal Comune nessuna risposta

dag 37 2Nonostante diverse segnalazioni verbali ed una nota scritta, in data 13 novembre, firmata da genitori e personale scolastico, sui problemi della scuola materna di Bivio Bellocchio tutto tace. Nella nota si evidenziava il fatto che, ad ogni pioggia, l’edificio viene letteralmente allagato dall’acqua che penetra dagli infissi, che le condizioni generali dell’edificio consigliano una manutenzione straordinaria delle parti strutturali e non, che in prossimità della scuola non c’è la possibilità di parcheggiare nè le auto del personale nè, per i minuti necessari a portare i bimbi a scuola, le auto dei genitori, ma dal Sindaco e dagli organi tecnici del comune non sono arrivati riscontri, eccezion fatta per i continui blitz della polizia municipale che, periodicamente, elevano multe agli sventurati costretti a parcheggiare in divieto di sosta. Abbiamo notato che, per altre segnalazioni, il sindaco si affretta a rispondere a mezzo stampa: i bambini della scuola materna sono forse cittadini di serie B?                           

Il palo che pende

dag 37 3Forse è una scelta artistica per movimentare l’illuminazione stradale o per adeguarsi a tutte le cose che a Giulianova vanno storte, ma non vi sembra che il palo della luce situato sulla Nazionale proprio davanti al supermercato Lidl sia esageratamente inclinato? 

Rosso, verde o ...

Gentile redazione,
ma quanti semafori ci sono a Giulianova con almeno una luce che non funziona?
Non c’è quasi incrocio che non abbia qualche lampada fuori uso, soprattutto quelle che regolano l’attraversamento dei pedoni.
Ma non esiste un servizio che si occupi di controllare e mantenere efficienti gli impianti?

Marciapiedi

dag 37 1Gentile redazione,
devo far notare che in via Vespucci Est, i pedoni da un po’ di tempo sono costretti a passare in mezzo alla strada spesso rischiando incidenti. Verificate, se non mi credete. Ma non erano state fatte le strisce per i poveri pedoni? Ora con tutto il rispetto per i lavoratori (beati loro!); ma dove sta il rispetto per i poveri pedoni? E poi è una bella immagine? Vi ringrazio se vorrete preoccuparvene vi faccio tanti complimenti per il vostro prezioso giornale che ci dice la verità sui fatti locali.  
Grazie    

Scuolabus

DAG 36 03Gentile direttore, scrivo da Villa Pozzoni per lamentare una mancanza dell’attuale servizio scuolabus. Abitiamo in Via traversa Nazionale per TE, e prima, quando il servizio era comunale, il pullman scendeva la nostra via per prendere e riportare i bambini. Con la gestione privata, i bambini devono arrivare alla SS 80, di fronte al bar Luna. Soprattutto quando vengono riportati a casa, come documento con foto, la presenza di camion parcheggiati (è ora pranzo!),  crea pericolo. Ho chiesto informazioni al gestore del servizio, che si è giustificato dicendomi “si brucia la frizione nella salitella”. Ho provato anche in Comune, ma è difficile parlare con l’assessore responsabile. Perchè prima sì e ora no?

Un desolato mare...

DAG 36 01Gentile redazione,
Vi invio questa fotografia, specchio a mio parere, di una degradante situazione che affligge il nostro meraviglioso paesaggio. Giulianova, come ben noto, è una splendida località marittima, ma ciò non implica che viva solo tre mesi l’anno. La spiaggia d’inverno è ugualmente frequentata, anche se in diversa misura, dai cittadini, e lasciarla in tali condizioni, quasi al pari di una discarica, credo sia inaccetabile.

Il tiglio

DAG 36 02Gentile redazione di Giuliaviva, voglio protestare ancora per Piazza Buozzi, che dopo essere stata rovinata e scempiata, è stata derubata del suo bellissimo tiglio che a detta degli esperti era malato e che quindi doveva essere abbattuto, con grande rammarico di tutti i giuliesi. A quei giorni il sindaco disse che sarebbe stato subito rimpiazzato, cosa che non è stata mai fatta a distanza di due anni. Ora al suo posto c’è una misera aiuola con una recinzione ridicola da gran risparmio con piccole piantine di sempre verde che mai cresceranno, e ricettacolo di carte e cicche di sigarette, una vera vergogna quella bruttura. Forse il signor Sindaco vi aveva messo un seme del tiglio e si sarà dimenticato di innaffiarlo ogni tanto.

Biciclette gratis sui treni

Dopo la buona notizia dell’inserimento, nella finanziaria regionale, grazie ad un emendamento del consigliere Maurizio Acerbo, di ben 30.000 euro per garantire il trasporto gratuito delle biciclette sui treni, ci si aspettava una rapida integrazione del contratto di servizio con Trenitalia, passaggio senza il quale il finanziamento regionale rimane poco più di una buona intenzione, in quanto le caratteristiche del servizio non cambiano e, per trasportare le biciclette sui treni, si continuerà a pagare. Chiediamo, quindi, all’assessore regionale Morra di provvedere celermente a tale adempimento, evidenziando che le vicine Marche hanno convenuto con Trenitalia un importo annuo di 10.000 euro per garantire tale servizio, e che quindi la somma stanziata dalla Regione Abruzzo sarebbe sufficiente per almeno tre annualità. Chiediamo, inoltre, che nell’accordo si prevedano opere di facilitazione di accesso delle biciclette nelle stazioni oltre che la pubblicizzazione del servizio all’esterno e all’interno delle stazioni, sul sito Trenitalia e sugli orari dei treni.

Il palo che aspetta

dag 35 02Circa tre anni fa persi il controllo della mia autovettura mentre percorrevo il lungomare e andai a sbattere contro un palo dell’illuminazione pubblica. Per fortuna non mi feci nulla di male ma la mia vettura ed il palo ne uscirono piuttosto  malconci. Ricordo ancora che fui sollecitato a denunciare il sinistro  perchè c’era urgenza di risarcire il danno per ripristinare le condizioni di viabilità ed illuminazione. Sono passati quasi tre anni da quella sera ed il palo è ancora  lì che aspetta,  mi chiedo ma a cosa sono serviti i soldi risarciti dall’assicurazione? 

Che tristezza..

dag 35 01Diciassette edizioni del “Presepe vivente” avrebbero meritato contorno migliore del  tristissimo albero di Natale che, sul Belvedere, accoglieva i visitatori della rappresentazione. Un povero abete, infilato in un tubo di cemento, retto da quattro cavi con nastro bicolore bianco-rosso, agganciato a tre cubi di marmo, con poche lucette spente. Se questa è l’idea che ha l’amministrazione di decorazione natalizia siamo alla frutta.

Animalismo incoerente?

Gentile redazione,
a Giulianova si istituisce la spiaggia per i cani e si cerca un terreno per accogliere i gatti randagi, ma, a differenza di realtà vicine come Teramo e la stessa Roseto, non si pensa a vietare l’uso dei botti per festeggiare l’anno nuovo, quei botti che, ogni anno, provocano in Italia la morte di migliaia di animali terrorizzati. Non vi sembra perlomeno incoerente?

Paternità sbandierate

dag 35 03Trovo veramente incredibile, al limite del vergognoso, che siano i politici ad appropriarsi della prerogativa specifica delle singole scuole di chiedere l’apertura di nuovi indirizzi, litigando addirittura per la paternità. Ma da quando i politici conoscono i veri problemi della scuola? Sono i Dirigenti a sapere come davvero stanno le cose, quali sono le esigenze, i desiderata di alunni e famiglie, le possibilità territoriali di ogni singola scuola e perciò devono essere loro, con i loro collegi a fare proposte per il nuovo. I politici dovrebbero, senza arroganze, impegnarsi e rendersi davvero utili perorando le migliori opportunità per il territorio. Non ne capisco molto ma mi sembra, che per la campagna elettorale ci sia ancora tempo! Io, e con me sono in molti, a rifiutare la “tuttologia” dei politici: sanno fare e capiscono di tutto (ciò che ritengono utile per accaparrarsi un voto), peccato che siano molti i problemi irrisolti o le soluzioni errate rispetto alle aspettative di chi li ha eletti.!!!
Grazie perché ci siete e auguri per il nuovo anno a tutto lo staff di “GiuliaViva”.  

Buco nell’asfalto

DAG 34 02salve, sono uno studente di scuola superiore, vi mando questa foto in cui si vede un vero e proprio “BUCO” nell’asfalto in una fermata dell’autobus in via Turatii (vicino la Polizia Stradale di Giulianova Lido). Ogni volta che piove questo “buco” si riempie d’acqua e quando le auto ci passano sopra schizzano chiunque si trovi sotto la pensilina della fermata, vi lascio quindi immaginare come ci si riduce

Qualcosa di positivo

DAG 34 03Spett.le redazione,
seguo con interesse il vostro periodico con il quale, però, non mi trovo d’accordo per via della sua manifesta faziosità. Non ho mai letto, infatti, qualcosa di positivo su quello che di buono ha fatto finora l’amministrazione che ci governa. Come non riconoscere il grande merito delle bandiere blu e delle tre vele di Legambiente, attestati che ci proiettano sicuramente al primo posto tra comuni costieri del medio Adriatico situati tra Roseto e Tortoreto.
Che dire poi della salvaguardia del territorio e degli edifici storici, a memoria posso segnalare l’edificio posto a protezione del Kursaal, costruito per ripararlo dai venti gelidi del nord, la piazza/solarium dell’ex golf bar, utilizzabile come spiaggia libera da chi ha allergia alla sabbia, l’uscita, spero definitiva, dalla riserva del Borsacchio che ha impedito l’armonico sviluppo del quartiere dell’Annunziata.
Spero facciate ammenda e, per il futuro, confido di leggere anche qualche comunicato stampa del comune che non pubblicate mai perché è senz’altro più efficace della vostra satira da quattro soldi.  

Siamo rimasti in due

dag 34 04Gentile redazione,
dei tre paletti posti a difesa del nuovo “marciapiede” di via Nievo  uno è stato spezzato alla base, mentre gli altri due, ripetutamente urtati, sono da tempo pericolosamente inclinati. Non sarebbe meglio eliminarli del tutto. 

La salita (ancora una volta) ferita

DAG 34 01La foto che vi invio immortala i vandalismi che qualche incivile ha compiuto, ancora una volta, contro gli arredi della salita Montegrappa: metri e metri di ringhiera divelti, danneggiando anche il tratto di muro su cui erano imbullonati. Ci libereremo mai di simili idioti? E non sarebbe il caso di estendere anche a quella zona il tanto decantato sistema di videosorveglianza?

Relitti in mostra

DAG 33 04DAG 33 04Al centro di Giulianova, sulla SS16  vicino al supermercato Sì, ci sono questi relitti di auto impolverati da circa 20 anni. Non possono essere rimossi  per avere un ambiente più pulito? A volte basta poco per avere una città più gradevole. Vediamo di impegnarci un po’ tutti.    

Il sottopasso abbandonato

DAG 33 02Sapreste spiegarmi perché i faretti che illuminano l’ingresso lato via Galilei del sottopasso pedonale di via Sauro funzionano regolarmente mentre quelli lato mare sono sempre spenti. Fra luci che non funzionano e lo spettacolo indecente delle scritte sui muri proprio un bell’ingresso per la via principale di Giulianova!

cerca nel sito

Attualità

Sport

Politica

Cultura

Varie

ditelo@giuliaviva.it

  • 1
  • 2
Prev Next

Il Cittadino Governante aderi…

Politica

 Il Cittadino Governante aderisce e partecipa alla manifestazione promossa dall’Osservatorio Indipendente sull’Acqua del Gran Sasso

Il Cittadino Governante – associazione di cultura politica di Giulianova – aderisce e  partecip...

Filosofia e Ideologia dell’amb…

Cultura

Filosofia e Ideologia dell’ambientalismo

Giovedì 26 ottobre 2017 alle ore 19,00 presso il Circolo Nautico “V. Migliori” - Giulianova lido (TE...

A Giulianova giornata FAI d'au…

Cultura

A Giulianova giornata FAI d'autunno

Domenica 15 ottobre a Giulianova Con il patrocinio del Comune e del Polo Museale Civico di Giul...

Prima fanno fallire Cirsu e po…

Politica

Prima fanno fallire Cirsu e poi non difendono nemmeno i lavoratori

Ha dell’incredibile. La maggioranza del Comune di Giulianova, ad eccezione del Consigliere Mustone, ...

Salvaguardare i posti di lavor…

Politica

Salvaguardare i posti di lavoro di tutte le maestranze di CIRSU.

Protocollato oggi dall'associazione di cultura politica Il Cittadino Governante  un ordine...

La vera storia del Lido delle …

Politica

La vera storia del Lido delle Palme. Perché da vent’anni è tutto fermo ed ora se ne occupa la magistratura

Periodicamente  sui mezzi di informazione tornano notizie sulla lottizzazione Lido delle Palme:...

Il filo di Arianna

Cultura

Il filo di Arianna

Giovedì 24 agosto alle 21, nella Torre di Carlo V di Martinsicuro sarà inaugurata la mostra Il filo ...

Eventi estivi: rivedere tutto

Politica

Eventi estivi: rivedere tutto

Il cartellone eventi estivi 2017 verrà ricordato per la sua pressoché totale inconsistenza.Le manife...

Il Cittadino Governante chiede…

Politica

Il Cittadino Governante chiede che il comune si costituisca parte civile nel processo penale "Operazione Castrum"

Onestà e competenza sono valori essenziali nella vita pubblica, imprescindibili per praticare il buo...

Il Cittadino Governante e le p…

Politica

Il Cittadino Governante e le prossime elezioni comunali

Con riferimento all’articolo pubblicato dal Centro martedì 15 agosto sulle possibili coalizi...

Pini e passerelle: Una buona a…

Politica

Pini e passerelle: Una buona amministrazione non ripianterebbe i pini in viale Orsini e abbatterebbe le passerelle in cemento di viale di Vittorio

La manutenzione ordinaria e straordinaria è un capitolo decisivo per avere una città decorosa e funz...

"Luci e ombre del corpo. …

Cultura

"Luci e ombre del corpo. Scrivere il corpo nell’arte e nella poesia" venerdì 11 agosto al MAS

Venerdì 11 agosto 2017, alle ore 18.30, il Museo d’Arte dello Splendore di Giulianova, organizza Luc...