IP 09 1

Cessione del Giulianova Calcio: i tifosi hanno assistito, senza comprenderla, alla fine di una trattativa mai avviata

É stata una storia strana, zeppa di passaggi incomprensibili, quella che ha visto il Giulianova Calcio ad un passo dal passaggio di proprietà. Per diversi giorni, tra gennaio e dicembre, la tifoseria ha creduto che finalmente si stesse facendo largo, da Roma, la mano tesa.
Ha mosso i fili mediatici della vicenda, il sindaco Francesco Mastromauro, che investito del ruolo di salvatore del calcio (un “valore sociale”, ha precisato), si è fatto protagonista della mediazione con un imprenditore romano, intenzionato a calarsi, per la prima volta, nell’avventura del pallone. Il mistero che ha circondato la prima fase dei contatti,  ha indotto qualcuno a pensare, addirittura, che  “l’armatore romano con interessi nell’edilizia” fosse addirittura un’invenzione. A sgombrare il campo dai sospetti del paesello, lo stesso sindaco che ha confermato, su un giornale on line, d’aver pranzato con Fabrizio De Giovanni (questo il nome, presto diffuso, dell’imprenditore), d’aver fatto una passeggiata sul porto e sul belvedere. “Ho avuto la chiara sensazione - commentava soddisfatto Francesco Mastromauro - che siano persone serie, intenzionate a portare avanti un progetto valido per il calcio giuliese. “ Prossimo appuntamento a gennaio, a febbraio la conclusione della trattativa. “Bravo sindaco”, pensa Mario il tifoso: ci siamo, finalmente. E invece no. Quando mancano poche ore all’arrivo della befana, il pallone si sgonfia. Il sindaco annuncia in diretta, dalla sala consiliare, che non se ne fa nulla: “ il presidente ed io - dice Mastromauro - abbiamo convenuto che non esistono le condizioni minime. Non ci sono garanzie.” La situazione debitoria della società, viene precisato nella stessa sede, ammonta a  1 milione 500.000 euro accumulati in dodici anni di gestione. “ Ma come..- si chiede Mario sconsolato- il pranzo, il porto, le persone serie, il progetto valido…. Dove lo troviamo un altro imprenditore ..sulla luna?”. Mario non capisce. E capisce ancora meno quando Morrone e De Giovanni, il duo interessato, diramano alcune precisazioni che complicano la vicenda.  Essi affermano che la  trattativa non si è interrotta perchè, “in realtà, non è mai stata intrapresa”. Di concreto ci sarebbe stato solo un incontro informale, favorito da conoscenze comuni, durante il quale il sindaco avrebbe comunicato la decisione, da parte dell’attuale proprietà, di cedere il pacchetto societario a costo zero. Nessun accenno a situazioni debitorie: di concreto, secondo gli interessati, solo “un vago interesse nell’ipotesi di valutazione dell’iniziativa”. Buio fitto, allora, dietro lo stop di Mastromauro. Un inutile spreco di entusiasmo, si rassegna Mario, che chiude la porta su una vicenda che avrebbe fatto bene a non essere nemmeno resa nota.
Il sindaco resta solo, tallonato da una tifoseria che s’aspetta molto ed una politica (vedi missive del segretario dell’Idv Eden Cibej) che non rinuncia ad interrogarsi sull’effettiva opportunità del coinvolgimento di un ente pubblico (il Comune, che Mastromauro rappresenta)  nelle sorti di società private.  La questione è complessa. Solo, più del sindaco, resta Mario, che vorrebbe semplicemente  vedere belle partite, ogni domenica,  in uno stadio pieno, in una città serena.