Lunedì, Dicembre 18, 2017

 

area riservata

debito-ambitoL’amministrazione comunale e la maggioranza hanno deciso qualche giorno fa in consiglio comunale di pagare il corposo debito fuori bilancio di 250 mila euro, riguardante gli anni 2011 e 2012, di cui il Consorzio Ambito Sociale Tordino ha chiesto il pagamento solo a novembre 2015, ben 4 anni dopo!
Eppure all’epoca e nei successivi quattro anni nulla si era saputo dell’esistenza di questo debito.  Nessuno, né la direttrice, né il CdA, né l’assemblea dei sindaci, né i revisori dei conti, né il dirigente finanziario del Comune hanno mai messo a conoscenza il consiglio comunale, nelle innumerevoli sedute dedicate al Bilancio, dell’esistenza di un simile debito per quattro lunghi anni.
Tutto ciò è quantomeno singolare.
Il gruppo consiliare del Cittadino Governante chiese 10 mesi fa che quel debito - inserito subdolamente nelle pieghe del Bilancio comunale in occasione dell’assestamento - prima di pagarlo, fosse riconosciuto in consiglio comunale, come prevede la legge, con una delibera apposita a cui andava allegata tutta la documentazione che ne attestasse la reale esistenza.
La nostra richiesta destò un imbarazzo generale (maggioranza compresa). Ci sono voluti ben 8 mesi per avere gli atti accompagnati da una relazione del dirigente di settore e quando sono arrivati, oltre che l’opposizione, non ha convinto nemmeno tutti gli esponenti della maggioranza, tanto che il punto fu rinviato per avere ulteriori delucidazioni.
Nel frattempo è stata rimessa una relazione sostanzialmente identica alla precedente, ma questa volta la maggioranza ha deciso di votare favorevolmente trincerandosi dietro al fatto che la legittimità è stata certificata dall’organo di revisione dei conti, dal dirigente tecnico e da quello finanziario e che, comunque, il debito  era stato certamente contratto per lo svolgimento di servizi sociali essenziali per cui pagarlo significa  essere amministratori pubblici.
Noi del Cittadino Governante riteniamo che i soldi pubblici vadano utilizzati onestamente, correttamente e congruamente e quando tutto ciò non emerge in modo chiaro ed inequivocabile, essere bravi amministratori significa svolgere fino in fondo il compito di controllo sugli atti presentati e sottoscritti dagli organi tecnici ed amministrativi. Ciò non è stato fatto, eppure sono tanti i motivi e le anomalie che lo avrebbero consigliato:
1)  Come è possibile che il consiglio di amministrazione dell’Ambito sociale abbia potuto per ben due anni consecutivi ignorare l’entità dello stanziamento del Comune di Giulianova e, pur essendo un ente subordinato, inserire nel proprio bilancio di previsione molto più di quanto stanziato dal Comune?
 
2)  E, ammesso che realmente siano state spese queste maggiori somme -  della qual cosa dubitiamo ormai fortemente – come ha potuto, reiteratamente, una società partecipata dipendente dal Comune spendere risorse che non poteva avere in bilancio in quanto nessuno l’aveva autorizzata a inserirle?
 
3)  E come ha potuto farlo senza che nessuno di tutti coloro che dovevano controllare a vario titolo (sindaco, assessore ai servizi sociali, revisori dei conti dell’Ambito sociale e del Comune, dirigente finanziario comunale ) per ben quattro anni se ne sia accorto?
 
4)  Come è possibile che a dimostrazione del debito da pagare ci siano state consegnate, tra gli atti, fatture per le quali sono state fatte da parte della Direttrice dell’Ambito determine di pagamento con impegno di spesa a carico dei capitoli specifici e con ordine di pagamento a carico alla tesoreria? I debiti fuori bilancio non si possono pagare per il semplice motivo che nei capitoli relativi non ci sono i soldi per poterlo fare; altrimenti che debito fuori bilancio è? Lo ha riconosciuto nel dibattito consiliare persino l’assessore al bilancio Giovanardi.
 
5)  Conseguentemente è legittimo porsi alcune domande: quelle fatture hanno a che fare con prestazioni effettuate e regolarmente pagate con i soldi che erano disponibili in bilancio? Se sì, perché ci sono state date a dimostrazione del debito fuori bilancio? Se no, si è trattato, forse, di un espediente spregiudicato (ma anche maldestro) per tentare di confondere i consiglieri che dovevano controllare?
 
6)  E, comunque, dove sono le richieste di pagamento da parte dei creditori dell’Ente d’Ambito per beni e servizi erogati e non pagati?
Leggendo la documentazione che ci è stata consegnata emerge anche altro nella decennale attività del Consorzio che a questo punto va attentamente rivoltata come un calzino visto che è arrivato a spendere fino a 3 milioni e mezzo di euro in un anno.
In particolare chiediamo maggiore trasparenza su:
•    Congruità delle somme pagate per taluni servizi.
•    Presenza di numerose associazioni note per fare volontariato in città e che invece hanno riscosso somme cospicue.
 
E domandiamo anche:
•   Quali modalità sono state usate per affidare i servizi a professionisti, cooperative e associazioni?
 
•   I criteri utilizzati per conferire affidamenti e incarichi rispondono ai principi di trasparenza e imparzialità amministrativa?
Le carte finora esibite non chiariscono il quadro amministrativo e contabile del Consorzio Ambito Sociale Tordino ma rafforzano i dubbi, perciò chiediamo che ci siano date tutte le fatture del 2011 e del 2012 inerenti le attività svolte. Questo perché fa parte certamente dei nostri compiti controllare che l’amministrazione pubblica abbia operato, utilizzando denaro pubblico, con sobrietà, correttezza e trasparenza, ancor più in un settore delicato qual è il sociale.
Purtroppo sappiamo che l’Italia non è estranea alla triste pratica di mettere in piedi metodi clientelari per organizzare il consenso elettorale: qui a Giulianova come siamo messi?

cerca nel sito

Attualità

Sport

Politica

Cultura

Varie

ditelo@giuliaviva.it

  • 1
  • 2
Prev Next

C'era una volta a Castrum ... …

Cultura

C'era una volta a Castrum ... la tris-nonna di Babbo Natale

L'Associazione G.A.M.A., Gruppo Archeologico dei Medio Adriatico, è lieta di invitare la cittadinanz...

Dopo la caserma, l’hospice: ma…

Politica

Dopo la caserma, l’hospice: ma è tanto difficile pensare che una piazza è preziosa e va rispettata come piazza?

“La politica non è l’arte dell’improvvisazione. Essere leader esige studio, preparazione, esperienza...

Musica e arte in Sala Trevisan…

Cultura

Musica e arte in Sala Trevisan Piccola Opera Charitas

Sabato 16 dicembre 2017, alle ore 18.00, alla Sala Trevisan della Piccola Opera Charitas di Giuliano...

Presentazione del libro "…

Cultura

Presentazione del libro "TENERI LUPI"

L'associazione Veliero-Riccardo Cerulli invita tutti alla presentazione del libro "TENERI LUPI" di P...

Sport ed educazione

Sport

  Conferenza-dibattito sul ruolo e il coinvolgimento degli istruttori e della famiglia nella ...

Il Cittadino Governante aderi…

Politica

 Il Cittadino Governante aderisce e partecipa alla manifestazione promossa dall’Osservatorio Indipendente sull’Acqua del Gran Sasso

Il Cittadino Governante – associazione di cultura politica di Giulianova – aderisce e  partecip...

Filosofia e Ideologia dell’amb…

Cultura

Filosofia e Ideologia dell’ambientalismo

Giovedì 26 ottobre 2017 alle ore 19,00 presso il Circolo Nautico “V. Migliori” - Giulianova lido (TE...

A Giulianova giornata FAI d'au…

Cultura

A Giulianova giornata FAI d'autunno

Domenica 15 ottobre a Giulianova Con il patrocinio del Comune e del Polo Museale Civico di Giul...

Prima fanno fallire Cirsu e po…

Politica

Prima fanno fallire Cirsu e poi non difendono nemmeno i lavoratori

Ha dell’incredibile. La maggioranza del Comune di Giulianova, ad eccezione del Consigliere Mustone, ...

Salvaguardare i posti di lavor…

Politica

Salvaguardare i posti di lavoro di tutte le maestranze di CIRSU.

Protocollato oggi dall'associazione di cultura politica Il Cittadino Governante  un ordine...

La vera storia del Lido delle …

Politica

La vera storia del Lido delle Palme. Perché da vent’anni è tutto fermo ed ora se ne occupa la magistratura

Periodicamente  sui mezzi di informazione tornano notizie sulla lottizzazione Lido delle Palme:...