Lunedì, Febbraio 19, 2018

 

area riservata

P 17 01Nel 2009 si partì in pompa magna con la prima giunta Mastromauro (quella dei talenti) che avrebbe dovuto fare mirabilia. Per ora si ricordano la “cacciata” di un assessore in consiglio e due “azzeramenti” di giunta: il primo nel 2011 si concluse con l’abbraccio all’UDC e ai Cameli; quello attuale annuncia i tecnici che non sempre sono la soluzione migliore, specialmente in urbanistica.
La risicata maggioranza, passata nel corso del tempo da 13 a 11 consiglieri, spesso ha bisogno dei voti di alcuni “benevoli” (chissà perche?) consiglieri di opposizione: obiettivamente, quindi, non gode di buona salute.
E così la cittadinanza, oltre alle conseguenze del malgoverno locale, deve sopportare anche lo spettacolo indecoroso di una coalizione sempre più conflittuale e traballante.
E’ positivo, però, che finalmente nella maggioranza cominci a levarsi qualche voce critica (e autocritica) incurante della ferrea obbedienza che da tre anni il sindaco ha imposto: dove il pensiero è libero di manifestarsi e le idee circolano le cose migliorano sempre e la moralità, la trasparenza, la meritocrazia, il Bene della città hanno più chances.
Queste prime voci vanno, quindi, apprezzate e incoraggiate.
Non si può dimenticare, infatti, che da oltre un decennio è comparsa una progressiva e preoccupante decadenza nella vita pubblica giuliese: la forte personalizzazione della politica che sta svilendo il ruolo dei partiti e la loro democrazia interna, riducendoli sempre più a strumenti nelle mani di pochi potenti; il crollo della cultura politica e la conseguente insufficienza dell’azione amministrativa; il trasversalismo fra le coalizioni che sempre più si assomigliano nei programmi (gli ideali e i valori, quelli sono spariti da un bel po’) e facilitano il passaggio da un campo all’altro (e viceversa) sulla base della convenienza personale.
Se la politica non si fonda su democrazia, partecipazione, moralità e cultura, non si occuperà mai seriamente del Bene Comune.
Si spiegano così i risultati poco brillanti anche delle varie Giunte Mastromauro: opere pubbliche oggettivamente malfatte o inutili; sperpero del denaro pubblico con conti del Comune fuori controllo; gestione fallimentare dei rifiuti; maltrattamento del paesaggio dei beni culturali e degli spazi pubblici da parte della speculazione edilizia; gestione della cosa pubblica fortemente clientelare e poco sensibile ai diritti di tutti e agli interessi generali; comparsa della questione morale in una città mai sfiorata prima da azioni giudiziarie (nell’ultimo anno sono ben quattro, invece, i fascicoli aperti dalla procura con invio di avvisi di garanzia); inadeguatezza nel rapportarsi alle altre istituzioni e conseguenti magri risultati per la città; netta chiusura nei confronti delle forze di opposizione con argomentazioni sprezzanti e capaci di negare l’evidenza; uso sistematico della propaganda trionfalistica.
Non sarebbe ora di voltare pagina in questa bella ma maltrattata città?

cerca nel sito

Attualità

Sport

Politica

Cultura

Varie

ditelo@giuliaviva.it

  • 1
  • 2
Prev Next

Alunni e insegnanti ancora sfo…

Politica

Alunni e insegnanti ancora sfollati

A più di un anno dall’improvvisa ordinanza di chiusura dei plessi scolastici di Colleranesco e della...

Nuovo caso di sciatteria ammin…

Politica

Nuovo caso di sciatteria amministrativa ai danni della Città

Si chiama «centro di riuso» l'ennesima occasione persa dell’ amministrazione comunale, che ha gettat...

INPS: cerchiamo di conservare …

Politica

INPS: cerchiamo di conservare la sede a Giulianova

Venire a conoscenza dell'imminente trasferimento della sede INPS dai Portici di Giulianova all'ex fa...

Al MAS "Scritti ad arte: …

Cultura

Al MAS "Scritti ad arte: il tempio cumano di Apollo tra arte, letteratura e mito"

Dopo il successo della conferenza-dialogo a due voci del novembre scorso con il confronto tra la sto...

Una staffetta di lettura per l…

Cultura

Una staffetta di lettura per la giornata della memoria

La giornata internazionale della Memoria dedicata al ricordo dell’orrore della Shoah, fu stabilita i...

MONTAGNE D'ABRUZZO patrimonio …

Cultura

MONTAGNE D'ABRUZZO patrimonio naturale e culturale

L'associazione VELIERO-RICCARDOCERULLI invita la cittadinaza alla conferenza: MONTAGNE D'ABRUZZ...

Niente piscina, niente Bibliot…

Politica

Niente piscina, niente Biblioteca, stop in via Bindi e via Nazario Sauro: Giulianova chiude?

Il progressivo logoramento dei rapporti tra le forze interne alla maggioranza e l’attenzione tutta s...

Musica e Arte alla Sala Trevis…

Cultura

Musica e Arte alla Sala Trevisan secondo appuntamento

Sabato 13 gennaio 2018, alle ore 18.00, presso la Sala Trevisan della Piccola Opera Charitas di Giul...

Hospice in piazza Dalla Chiesa…

Politica

Hospice in piazza Dalla Chiesa: ma l’amministrazione comunale vuole difendere e valorizzare la piazza o no?

Da quando in qua i funzionari o gli amministratori delle società partecipate del Comune  interv...

C'era una volta a Castrum ... …

Cultura

C'era una volta a Castrum ... la tris-nonna di Babbo Natale

L'Associazione G.A.M.A., Gruppo Archeologico dei Medio Adriatico, è lieta di invitare la cittadinanz...

Dopo la caserma, l’hospice: ma…

Politica

Dopo la caserma, l’hospice: ma è tanto difficile pensare che una piazza è preziosa e va rispettata come piazza?

“La politica non è l’arte dell’improvvisazione. Essere leader esige studio, preparazione, esperienza...