Lunedì, Febbraio 19, 2018

 

area riservata

IP 2 1Consiglio comunale: un sindaco, una maggioranza, una minoranza. Uno schema semplice per amministrare una città, una definizione di ruoli che solo in via eccezionale ha bisogno di essere riscritta e reinterpretata. Ma a Giulianova, da mesi,  l’eccezione è diventata regola e il caos ha soppiantato l’ordine.  Tutto grazie a consiglieri che, sganciatisi dai partiti d’appartenenza,  dicono di voler scegliere di volta in volta sui punti all’ordine del giorno, di esserci o non esserci, dire sì  o dire no, a seconda delle circostanze. All’orizzonte, una compravendita  di voti che rischia di condurre il sindaco allo sfinimento, fisico e politico. A Francesco Mastromauro toccherà suonare di continuo a tutti i campanelli per avere la sicurezza, in consiglio, di un’alzata di mano: è la questua elevata a sistema.  Un metodo d’amministrare che alimenta sospetti e, a quanto sembra, diffonde puzza di bruciato in sala consiliare.  Ma chi sono i protagonisti di tanto turbinio?
Roberto Ciccocelli: eletto nella lista “Al centro della città’”, è stato prima esponente del gruppo “Obiettivo comune”,  poi della sigla “Futuro in”. Nel consiglio del  28 settembre ha ricordato d’aver militato per 12 anni nel centrodestra e di aver sempre votato contro l’attuale amministrazione. Poco prima, però,  aveva permesso l’apertura della seduta consiliare, salvando le sorti della maggioranza. D’ora in poi, per colpa di un Pdl che lo tratta malissimo, andrà dove lo porta il cuore.  
I piedi, intanto, lo hanno portato lontano dalla sala consiliare quando è stata l’ora di decidere sulla farmacia comunale.
Roberto Sacconi: candidato nel Pd, è confluito in “Progresso giuliese”. Con il gruppo ha attaccato più volte l’operato del sindaco, ma, diversamente dai suoi, ha votato a favore della vendita della farmacia. Sarebbe stato un rebus decifrare il futuro se non avesse provveduto da solo, dimettendosi, a interrompere la suspence.
Luigi Ragni: a Mimì Di Carlo, che in consiglio lo interrogava sulla posizione del partito circa la sua presenza in maggioranza, il consigliere dell’Idv ha risposto sostenendo che le critiche espresse dal coordinatore Eden Cibej non coincidevano con quelle del direttivo. L’affermazione, giudicata dai suoi priva di fondamento,  potrebbe confermare la voce che vedrebbe Ragni incamminato lungo la strada che porta al Pd.
Gianfranco Francioni:  consigliere di centrodestra, ha ritrovato se stesso nel programma elettorale di centrosinistra. La lista civica per Mastromauro gli ha conferito di recente la “maglia rosa nella gara per il trasformismo politico più disinvolto avendo conseguito la tracimante vittoria nel cambio più repentino di casacca”. Strano che quel “cambio di casacca” non abbia suscitato alcuna contrarietà al momento della sua uscita pubblica,  ed anzi sia stata accompagnata da concrete rassicurazioni, da parte del sindaco, di incarichi in giunta da conferire proprio a Francioni.
Sorprende anche Giancarlo Cameli, che tutti davano in maggioranza e che invece ha votato contro la vendita della farmacia.
Mimì Di Carlo ha evitato ogni colpo di scena, restandosene il 28 settembre, giorno del consiglio, prudentemente a casa.

cerca nel sito

Attualità

Sport

Politica

Cultura

Varie

ditelo@giuliaviva.it

  • 1
  • 2
Prev Next

Alunni e insegnanti ancora sfo…

Politica

Alunni e insegnanti ancora sfollati

A più di un anno dall’improvvisa ordinanza di chiusura dei plessi scolastici di Colleranesco e della...

Nuovo caso di sciatteria ammin…

Politica

Nuovo caso di sciatteria amministrativa ai danni della Città

Si chiama «centro di riuso» l'ennesima occasione persa dell’ amministrazione comunale, che ha gettat...

INPS: cerchiamo di conservare …

Politica

INPS: cerchiamo di conservare la sede a Giulianova

Venire a conoscenza dell'imminente trasferimento della sede INPS dai Portici di Giulianova all'ex fa...

Al MAS "Scritti ad arte: …

Cultura

Al MAS "Scritti ad arte: il tempio cumano di Apollo tra arte, letteratura e mito"

Dopo il successo della conferenza-dialogo a due voci del novembre scorso con il confronto tra la sto...

Una staffetta di lettura per l…

Cultura

Una staffetta di lettura per la giornata della memoria

La giornata internazionale della Memoria dedicata al ricordo dell’orrore della Shoah, fu stabilita i...

MONTAGNE D'ABRUZZO patrimonio …

Cultura

MONTAGNE D'ABRUZZO patrimonio naturale e culturale

L'associazione VELIERO-RICCARDOCERULLI invita la cittadinaza alla conferenza: MONTAGNE D'ABRUZZ...

Niente piscina, niente Bibliot…

Politica

Niente piscina, niente Biblioteca, stop in via Bindi e via Nazario Sauro: Giulianova chiude?

Il progressivo logoramento dei rapporti tra le forze interne alla maggioranza e l’attenzione tutta s...

Musica e Arte alla Sala Trevis…

Cultura

Musica e Arte alla Sala Trevisan secondo appuntamento

Sabato 13 gennaio 2018, alle ore 18.00, presso la Sala Trevisan della Piccola Opera Charitas di Giul...

Hospice in piazza Dalla Chiesa…

Politica

Hospice in piazza Dalla Chiesa: ma l’amministrazione comunale vuole difendere e valorizzare la piazza o no?

Da quando in qua i funzionari o gli amministratori delle società partecipate del Comune  interv...

C'era una volta a Castrum ... …

Cultura

C'era una volta a Castrum ... la tris-nonna di Babbo Natale

L'Associazione G.A.M.A., Gruppo Archeologico dei Medio Adriatico, è lieta di invitare la cittadinanz...

Dopo la caserma, l’hospice: ma…

Politica

Dopo la caserma, l’hospice: ma è tanto difficile pensare che una piazza è preziosa e va rispettata come piazza?

“La politica non è l’arte dell’improvvisazione. Essere leader esige studio, preparazione, esperienza...