Giovedì, Ottobre 19, 2017

 

area riservata

Vendita di Julia Servizi: Giulianova perde

logo-web CGSulle questioni importanti occorre essere seri.
La vendita di Julia Servizi non è stata un affare per la città ed i cittadini. Ogni trionfalismo è fuori luogo.
Per decenni, prima come servizio comunale, poi come Julia Servizi (partecipata al 100% pubblica), il Comune di Giulianova - grazie alle scelte lungimiranti a favore degli interessi generali compiute dalle amministrazioni di sinistra degli anni ’70 - ha avuto notevoli introiti, decisivi per gli equilibri di bilancio, pur erogando gas a prezzi concorrenziali.
Entrando nel merito della vendita appare ancora più chiaro che davvero Giulianova ha fatto un cattivo affare. Volete sapere perchè? Basta confrontare questi dati:

Leggi tutto: Vendita di Julia Servizi: Giulianova perde

Destra e Sinistra sono tutti uguali...?

Destra SinistraVorremmo parlare di un argomento di attualità che ci stà a cuore: in particolare del movimento che utilizza"Destra e Sinistra, Tanto sono Tutti Uguali!” spieghiamo il motivo della nostra indignazione e la decisione di scrivere, per una informazione rivolta a chi non conosce la storia politica di Rifondazione a livello regionale e a livello locale, crediamo che vada data una informazione puntuale. Rifondazione Comunista è l'unico partito che ha tenuto nel corso degli anni una linea di assoluta autonomia e denuncia, riscontrabile in anni e anni di dossier, manifestazioni, interrogazioni, emendamenti, mozioni, ecc.

Leggi tutto: Destra e Sinistra sono tutti uguali...?

Vendita Julia servizi: vincono gli amici del PD

Hera-commCome ampiamente previsto (anche sulla nostra pagina facebook) la Julia servizi è stata acquistata da una ditta di Bologna chiaramente vicina al Partito democratico, ossia la Hera Comm.
Mastromauro, supportato dal Pd e dalla sua maggioranza ha voluto far credere che la vendita fosse inevitabile, non ritirando il bando d’asta anche se è in corso il cambio della normativa sulla partecipate.
Una partecipata da sempre in utile, che fornisce gas ai Giuliesi, viene di fatto svenduta attraverso un’ asta a cui ha partecipato un solo offerente, ossia la Hera. Il bando stesso permetteva la vendita anche in caso di offerente unico. Mastromauro ha tirato diritto senza prestare ascolto alle nostre obiezioni, né a quelle delle altre forze di opposizione.
Arriveranno dunque oltre 5 milioni di euro, ma state certi che vigileremo su come verranno spesi e non vi permetteremo di dilapidarli come avete fatto per i 6 milioni di euro del fondo cassa del comune.
Vi siete presi la responsabilità di svendere il patrimonio cittadino: lo ricorderemo in futuro ai Giuliesi. Dovrete spiegare anche perché non avete dismesso la Giulianova patrimonio, che al contrario della Julia servizi non porta vantaggi economici alla città.

Movimento 5 Stelle Giulianova

Julia Servizi: una sola offerta, nessuna vera gara!

logo-web CGQualche settimana fa, a proposito della vendita di Julia Servizi, in un ordine del giorno presentato al consiglio comunale, il nostro gruppo consiliare diceva:
“Nel bando c’è scritto che la gara viene aggiudicata anche in presenza di una sola offerta; clausola certamente non conveniente per il Comune: ricordiamo che l’Ente in presenza di più offerte introitò circa 2 milioni di euro in più rispetto alla base d’asta nella vendita del Pioppeto, mentre nel caso dell’alienazione della scuola elementare Acquaviva, con una sola offerta, incamerò solo 12 mila euro in più sulla base d’asta.  Chiediamo di modificare il bando, allungando i termini, per garantire più offerte nella gara.
L’ordine del giorno è stato bocciato dalla maggioranza con la motivazione che comunque ci sarebbero state molte offerte data l’appetibilità della società da alienare. Noi abbiamo risposto che sarebbe stato più saggio e responsabile garantirsi, comunque, la partecipazione di più offerte, per tutelare al meglio il Comune ed i cittadini. Ed abbiamo commentato così: “Ci auguriamo veramente che ci siano più partecipanti, ma se così non sarà la responsabilità ricadrà tutta su di voi”.
Ieri è stata diramata questa notizia: “All'avviso d'asta per la cessione del 100% di capitale della “Julia Servizi” è pervenuta al protocollo, alle ore 12 di oggi, 7 marzo, un'offerta”.
È accaduto, quindi, proprio quello che temevamo, e questo non rappresenta certamente una soluzione vantaggiosa per il nostro Comune. Così, quindi, non solo perdiamo per sempre un gioiello di famiglia che nel corso degli anni ha fatto avere tanti utili alla collettività, ma non introitiamo nemmeno il prezzo che solo una vera gara può garantire!
Chiediamo: perché si è voluto, ostinatamente, agire in questa maniera?
Oggi non è un bel giorno per la nostra città. E ci dispiace molto.

 

Il sindaco non consegna i documenti sull’Ambito Sociale Tordino

ambitosocialetordinoMargherita Trifoni e il Movimento 5 Stelle – Giulianova annunciano il voto contrario alla proroga di due anni dell’Ambito Sociale Tordino, che si occupa di servizi sociali e che avrebbe dovuto essere sciolto a breve, ossia nel marzo 2016.
Il voto negativo è dovuto a una gestione che riteniamo essere del tutto insufficiente e opaca: il comune di Giulianova è il maggiore contributore (40% delle quote), ma oltre al pesante esborso annuo sono affiorati anche dei debiti fuori bilancio, per le prestazioni erogate negli anni 2011-2012. Circa 300.000 che saranno pagati in tre anni.

Leggi tutto: Il sindaco non consegna i documenti sull’Ambito Sociale Tordino

Julia Servizi e Julia Reti il comune deve fare le scelte giuste

logo-web CGProtocollato questa mattina un Ordine del giorno urgente  del gruppo consiliare "Il Cittadino Governante per cambiare".  Per le due partecipate vanno fatte scelte che pongano la nostra città al passo delle realtà più all’avanguardia nelle scelte energetiche con ricadute importanti, in prospettiva, sul nostro ambiente, sulla salute dei cittadini e sulle finanze comunali.

clicca qui e leggi l'Ordine del giorno

Aumento degli oneri concessori (ex Bucalossi)

BUCALOSSICon l’aggiornamento delle tariffe degli oneri di urbanizzazione, primaria e secondaria, per il prossimo quinquennio, la Giunta Mastromauro si appresta a ratificare per i giuliesi un nuovo aumento delle imposte locali. Infatti, per ottenere i futuri permessi edificatori di edifici residenziali, commerciali, turistici o direzionali si passerà da una tariffa di 1,90 euro/mc a 4,52 euro/mc (+238%) per le opere di urbanizzazione primaria, e da una tariffa di 3,47 euro/mc a 15,89 euro/mc per le opere di urbanizzazione secondaria (+458%). Già a fine anno inoltre il Comune aveva aumentato le tariffe dei diritti di segreteria per le pratiche edilizie tipo Permessi a costruire, SCIA e richieste di agibilità.

Leggi tutto: Aumento degli oneri concessori (ex Bucalossi)

Assemblea del quartiere Lido

assemblea comitato lidoCon una folta partecipazione di pubblico si è tenuta venerdì 12 febbraio presso il Kursaal l'assemblea pubblica del Comitato del quartiere Lido di Giulianova. Sicurezza e riqualificazione del centro del Lido le proposte illustrate ai cittadini intervenuti.

 

 

Castrum: Guerrucci, quando terminate i lavori?

castrumMentre il Sindaco Mastromauro alza la cortina fumogena della propaganda dell’ottimismo, annunciando fantomatiche e irrealistiche opere pubbliche tipo il teatro del Mare, il Palazzetto dello sport da 800 posti piuttosto che la riqualificazione di piazza Dalmazia e del corso Via Nazario Sauro, molti giuliesi e molte associazioni sportive si sono accorti che le opere del Campo Castrum- Tiberio Orsini dell’Annunziata sono in definitiva bloccate.

Leggi tutto: Castrum: Guerrucci, quando terminate i lavori?

L'assessore Guerrucci in conflitto di interessi

GuerrucciA partire dal suo insediamento Mastromauro, invece di concentrarsi sul bene di Giulianova, ha distribuito nomine e incarichi a compagni e amici. Con questo stile è stato dato l’incarico al neo Assessore ai Lavori Pubblici, Manutenzione e Verde Pubblico, Mobilità e Traffico, Francesca Guerrucci. Lo stessa maggioranza avrebbe polemizzato in merito, tanto che la Consigliera PD Vasanella in un suo post scriveva:“Se vuoi volare circondati di aquile, non di polli”.
L'Arch. Guerrucci con la nuova delega di Assessore assegnatagli dal Sindaco si ritrova con un doppio incarico, in quanto già titolare di una nomina per conto del Comune di Giulianova come tecnico connesso alle pratiche di denuncia dei sinistri. In pratica il neo Assessore si ritrova a dirigere gli stessi settori ricoperti dall’incarico professionale diretto e continuativo che gli è stato assegnato già da tempo.

Leggi tutto: L'assessore Guerrucci in conflitto di interessi

CIRSU: 4 avvisi di garanzia

cirsu Dopo anni, finalmente la magistratura si decide ad intervenire sul cirsu. Dopo i tanti articoli di giornale, esposti e segnalazioni, tra cui quelle del Movimento 5 Stelle - Giulianova, finalmente i primi avvisi di garanzia a chi ha amministrato il consorzio.
Negli ultimi mesi l’aria delle località circostanti è diventata irrespirabile, e addirittura anche a Giulianova era possibile avvertire il terribile olezzo proveniente dalla discarica di Grasciano.
In tutto questo la politica ha fatto finta di nulla: sia per ciò che riguarda il fallimento, anche dopo una ricapitalizzazione costata ai cittadini dei comuni facenti parte del consorzio, altri 4 milioni di euro; sia per ciò che riguarda la situazione ambientale, oramai gravissima.

Leggi tutto: CIRSU: 4 avvisi di garanzia

Su Julia servizi occorre fare la scelta giusta

logo-web CGSulla vendita di Julia Servizi abbiamo già da tempo detto di non essere d’accordo perché sarebbe un danno per il Comune e per i cittadini. Julia Servizi è una società partecipata finanziariamente sana, che produce un servizio di interesse generale, in linea con le funzioni fondamentali dei comuni e con i fini istituzionali che essi perseguono, e che contribuisce annualmente agli equilibri di bilancio dell’Ente di riferimento. Andrebbe, quindi, conservata tra le società partecipate del Comune. 

Leggi tutto: Su Julia servizi occorre fare la scelta giusta

Dimissioni assessore Verdecchia

VERDECCHIASindaco, giunta, e maggioranza allo sbando.
L’assessore Verdecchia ha presentato le dimissioni appena qualche settimana dopo il rimpasto voluto da Mastromauro. Abbiamo già detto che questa amministrazione è la peggiore della storia, peggio del Cameli secondo, che lasciò nell’abbandono la città.
Come la giunta, anche la città è allo sbando, senza una guida politica certa e i conti totalmente in rosso e tasse alle stelle. Mastromauro ha oramai i mesi contati, inviso persino al Partito Democratico.
Il sindaco ha dimostrato la sua totale incapacità amministrativa, ma la situazione ha assunto dei connotati grotteschi con dimissioni dopo il rimpasto. E’ giunto per lui il momento di lasciare per il bene della città, anche perché come risaputo ha - politicamente parlando - i mesi contati.
Chiediamo dunque le dimissioni di Mastromauro e della sua amministrazione.
Bisogna tornare al voto per il bene della città.

Movimento 5 Stelle Giulianova

No alle barriere che oscurano la vista sull’arenile, sì alla tutela degli scorci panoramici

logo-web CGUp and DownNei mesi scorsi abbiamo ripetutamente richiamato l’attenzione dell’opinione pubblica sulla penalizzazione del parco di Via Matteotti a causa del cantiere aperto per la costruzione di un impattante chiosco-ristorante.
Apprendiamo con piacere che ora anche il M5S rilancia la problematica in Consiglio Comunale; noi ci saremo per dire di nuovo la nostra e auspichiamo che tutti i Consiglieri facciano una scelta di civiltà in difesa dei beni comuni.
Il Cittadino Governante, intanto, continua le sue battaglie per la difesa del paesaggio giuliese e ieri ha presentato un Ordine del giorno che verrà discusso nel Consiglio Comunale di mercoledì prossimo per la difesa della vista panoramica dell’arenile sud, dove è stato autorizzato un impattante manufatto a ridosso del tratto iniziale del molo sud.
Anche in questo caso confidiamo in una attenta riflessione di tutti i Consiglieri Comunali e dell’Amministrazione che eviti la definitiva scomparsa della veduta d’infilata sulla spiaggia. Nel lontano ’94 fu recuperata la vista sull’arenile nord perché l’Amministrazione riuscì a convincere la Capitaneria a togliere le barriere sul molo nord: fu un bel giorno per tutti i giuliesi. Speriamo che anche questa volta, e per merito di tutti, si possa ottenere lo stesso risultato.
 
Il Cittadino Governante

A gennaio si parte con il bilancio partecipato

bilancio partecipatoCon l'istituzione, fissata nel programma già del 2009, dei Comitati di quartiere, delle Consulte e del Forum – dichiara il sindaco – Giulianova è certamente all'avanguardia nel rendere partecipi i cittadini alle attività di governo del territorio. Un primato che ci viene riconosciuto ed allo stesso tempo un modello di riferimento non solo in Abruzzo giacché questa forma avanzata di democrazia partecipativa e matura altrove stenta a decollare. E nell'ambito di questa esperienza di dialogo con la cittadinanza, fondato su un rapporto collaborativo con l'Amministrazione”, prosegue Mastromauro, “il passo ulteriore non può che essere la costruzione condivisa del Bilancio 2016 del Comune che veda tutti assieme, amministratori, comitati di quartiere ma anche associazioni e forze politiche di maggioranza e di minoranza, per decidere su scelte fondamentali della città. Come la valorizzazione dei cosiddetti “beni comuni”, la manutenzione degli spazi collettivi o la gestione ed il futuro dei servizi alla persona. Insomma, una collaborazione nelle scelte nodali della città basata necessariamente su informazione e conoscenza. A gennaio, pertanto, chiamerò tutti a partecipare alla prima assemblea sul Bilancio partecipato, occasione in cui ciascuno potrà dare un contributo per costruire collettivamente il bilancio della, chiamiamola così, famiglia Giulianova. Il 2016 – conclude il sindaco - sarà dunque l'anno all'insegna di una fase nuova, e particolarmente qualificata, della democrazia partecipativa”.

 

 

Chiudo o vendo tutto

vendesiDi fronte al pre-dissesto finanziario, dinanzi alla potenziale bancarotta delle casse comunali, la seconda Giunta Mastromauro con il rinnovato appoggio del Pd, ha palesemente scelto di far cassa con la vendita del patrimonio pubblico giuliese.
Non si può continuare a pagare i debiti pregressi con altri debiti, è arrivato il momento di vendere!
E quindi si procede alla redazione del bando per la cessione della Julia Servizi, unica municipalizzata in utile, si mettono all’asta i terreni edificabili della zona turistica E2.1 e un lotto in area produttiva PIP a Colleranesco e giacché ci siamo, cediamo gratuitamente la gestione della cura del verde pubblico ai privati.
- Ma sì!. Poi cos’altro abbiamo da vendere? -
Nell’elenco c’è il Mercato ittico, uno dei due asili comunali e a seguire la piscina; è in atto la più grande opera di smantellamento e privatizzazione dei beni che appartengono alla collettività giuliese.
L’imperativo è unico: monetizzare il prima possibile per scongiurare il definitivo tracollo finanziario con il conseguente commissariamento del Comune.

 Movimento 5 Stelle Giulianova

Gli albergatori e la tassa di soggiorno

 

Tassa di soggiornoMastromauro scontenta tutti. Le promesse della campagna elettorale continuano a svanire! Adesso è il turno di albergatori e campeggiatori, da sempre sostenitori del Pd e di Mastromauro, che ha annunciato l’introduzione della tassa di soggiorno. Ennesimo balzello che servirà a rimpinguare le casse comunali, dissanguate per la campagna elettorale del 2014.
Gli albergatori ora si lamentano e qualcuno di loro ricordava al sindaco l’appoggio dato in campagna elettorale, in cambio della promessa di non introdurre una tassa di soggiorno.
Cari albergatori e campeggiatori, adesso tocca a voi!
Voi, che per decenni avete appoggiato le giunte di sinistra, ottenendo grandi benefici, tra cui vi ricordiamo le pinete situate a fronte lungomare, che dovrebbero invece essere restituite alla fruibilità dei cittadini e non solo dei vostri clienti.
Avete votato Mastromauro, adesso tenetevelo e restituite alla cittadinanza le pinete!

Movimento 5 Stelle - Giulianova
 

Piazza Dalla Chiesa è salva e la caserma si farà, ma altrove

logo-web CGIl dialogo maturo tra forze diverse, su basi programmatiche, è senz’altro auspicabile se produce buongoverno: le vicende di piazza dalla chiesa e della caserma dei carabinieri lo dimostrano.
Era il 7 settembre, circa tre mesi fa, quando sollevammo il problema con un comunicato dal titolo: PIAZZA DALLA CHIESA: PERCHÈ  DANNEGGIARLA IRREVERSIBILMENTE,  SPENDENDOCI  PURE  SOLDI PUBBLICI ?.
Era l’obiezione che Il Cittadino Governante muoveva alla Giunta comunale che aveva deciso di ubicare la caserma dei Carabinieri all’interno di piazza Dalla Chiesa utilizzando la porzione circolare del mercato coperto che sarebbe stata perimetrata per circa duecento metri da un recinto alto tre metri. Alla doverosa difesa della piazza come spazio pubblico abbiamo affiancato la logica proposta di realizzare la caserma all’Annunziata, dove da venti anni esiste un’area pubblica destinata alla caserma, e dove da molti anni è stata già costruita una palazzina con alloggi destinati ai Carabinieri.
Ebbene dopo tre mesi di confronto, a tratti persino aspro, anche l’Amministrazione comunale ha convenuto che non era il caso di distruggere una piazza (e che piazza!) ed in Consiglio Comunale è accaduto qualcosa che era inimmaginabile fino a qualche settimana prima: tutti i consiglieri comunali hanno votato all’unanimità, sindaco compreso, a favore della salvaguardia di Piazza dalla Chiesa e della sua riqualificazione.

Questo passaggio istituzionale è stato salutato da un applauso da parte dei tanti cittadini presenti, ed è stato uno dei momenti più significativi della storia recente della vita pubblica giuliese: tutte le forze politiche e i cittadini di ogni appartenenza hanno convenuto sulla difesa (e sulla valorizzazione) di uno dei beni comuni più rappresentativi della peculiarità giuliese.
Una fedele ricostruzione della sequenza dei fatti sopradetti, purtroppo, non si è letta o ascoltata. L’informazione locale, oltre a non aver speso una parola per difendere una delle poche piazze veramente importanti del Lido, ha riportato solo parzialmente quanto accaduto e ciò non ha certo aiutato a comprendere il significato degli eventi succedutisi. Per fornire tutti gli elementi all’opinione pubblica e per smentire le illazioni che La Città e Radio G stanno facendo in questi giorni  è utile, quindi, ricordare  che i passaggi salienti sono stati questi:
 
1)   1) Il Cittadino Governante solleva il problema ai primi di settembre con alcuni comunicati sulla problematica.

2    2)   A quel punto cominciano ad interessarsi anche i Comitati di Quartiere e quello dell’Annunziata fa sapere che la caserma la vuole nel sito già previsto.

3    3)   Il Cittadino Governante promuove un’affollata assemblea pubblica al Kursaal in cui numerosi e qualificati interventi hanno unanimemente condiviso e dato forza alla proposta dell’associazione. Era presente anche il PD.

4   4)   Qualche giorno dopo anche l’Unione comunale del PD dirama un comunicato in cui si legge preservare l'area dell'ex mercato coperto e la piazza contigua, nonché avviare le procedure di project financing in zona Annunziata su area di proprietà comunale, attigua agli alloggi dei carabinieri”

5    5)   Il Sindaco che pure aveva votato quella risoluzione del PD promuove il Forum cittadino  per far scegliere l’ubicazione della caserma all’interno di una terna di proposte ma insiste ancora su Piazza Dalla Chiesa.

6    6)   L’esito del Forum è netto: Piazza dalla Chiesa, per tutti, va salvaguardata; la caserma deve essere realizzata all’Annunziata o in subordine nell’ex Tribunale.

7   7)   Il Cittadino Governante propone due mozioni in consiglio: una per la difesa e la riqualificazione della piazza, l’altra per la costituzione di una commissione tecnico-istituzionale chelavori all’individuazione del sito e dei finanziamenti per la realizzazione, in tempi brevi, della nuova caserma dei Carabinieri.

8    8)   IL PD propone una mozione per la costruzione della caserma all’Annunziata o in alternativa nell’ex Tribunale.

9)  9)  In Consiglio il Sindaco, ammettendo di aver sbagliato, riconosce pubblicamente la giustezza delle posizioni del Cittadino Governante e poi invita a i gruppi consiliari a presentare una  mozione unitaria sulla caserma per conferirle più forza. IL CG apprezza l’autocritica del sindaco e la posizione del PD e  questa sintesi viene operata. Il Consiglio comunale vota all’unanimità con l’astensione di Linea Retta e Laura Ciafardoni. Piena unanimità, invece, per la mozione presentata dal Cittadino Governante che chiede la salvaguardia e la riqualificazione di piazza Dalla Chiesa e la ristrutturazione del mercato coperto.

1    10)  Lunedì 14 dicembre la commissione tecnico-istituzionale inizierà i suoi lavori e siamo convinti che saprà trovare la strada per la realizzazione in tempi brevi della nuova caserma dei Carabinieri all’Annunziata. Questo consentirà, tra l’altro, che piazza Dalla Chiesa, il mercato coperto e l’ex tribunale possano essere destinati alle funzioni per cui sono maggiormente vocati. 

Deve dispiacere tutto ciò?  A qualche commentatore locale dispiace? Perché mai si stracciano le vesti per una sintonia trovata su temi importanti tra Cittadino Governante e amministrazione e maggioranza? E perché non viene fatto lo stesso per il M5S che ha votato allo stesso modo? E, comunque, perché mai questo dovrebbe significare un abbassare la guardia da parte del Cittadino Governante? Ma non hanno ascoltato nello stesso ultimo consiglio le critiche (e le proposte) sul debito fuori bilancio dell’Ambito Sociale Tordino, su Julia Servizi (che vorremmo, in extremis, salvare), sulle contraddizioni da risolvere nella realizzazione della strategia rifiuti zero a livello locale? Eppure non erano carezze (guarda l’intervento del Consigliere Arboretti). Onestà intellettuale e obiettività dovrebbero essere preminenti sulla faziosità e sulla tentazione di “sistemare” scorrettamente gli invisi (e perché mai poi?): il buon giornalismo, in genere, si comporta così.
Infine, speriamo che ci sia una vera svolta nella dialettica fra maggioranza ed opposizione: che venga finalmente riconosciuto e reso fecondo l’atteggiamento costruttivo che per anni abbiamo mostrato, invano, anche nei momenti di critica più stringente nei confronti dell’amministrazione comunale, ma in sintonia con i bisogni dei cittadini come i fatti recenti hanno dimostrato.
Beninteso in città possono stare tutti tranquilli, estimatori e detrattori, le posizioni del Cittadino Governante non sono in vendita per una poltrona; sono e saranno le stesse che da anni ci fanno apprezzare nella comunità locale. Se, però, una nostra proposta viene accettata dal Sindaco e dalla maggioranza, a noi sembra ragionevole che poi su quel punto si collabori per il bene comune.

Nelle prossime settimane rilanceremo proposte su problematiche cruciali (Palazzo Gavioli, Area Marozzi, Parco Matteotti, Piscina per sub sull’arenile sud, non alienazione di Julia Servizi ed altro ancora) per verificare se veramente nel Sindaco, nel PD e nella maggioranza stanno maturando atteggiamenti di maggiore apertura verso scelte che noi suggeriamo da tempo in quanto riteniamo che facciano il bene della città.

Per una città bella, moderna ed efficiente

Rendering-Piazza-Dalla-ChiesaAlle due Mozioni già presentate:
 
 
 
L'associazione Il Cittadino Governante aggiunge ora, tramite il proprio gruppo consiliare,il seguente Ordine del giorno:
È ormai imminente la scadenza dei termini del bando per la presentazione di richiesta di finanziamenti statali per la riqualificazione di aree urbane degradate. Per questo motivo abbiamo deciso di dare - con atteggiamento costruttivo - un contributo fattivo, mettendo a disposizione del Comune il progetto già elaborato da anni.
Le due Mozioni e l’Ordine del giorno verranno discussi nel consiglio comunale di venerdì 20 novembre.
 
 
                                                                 Il Cittadino Governante
                                                                          associazione di cultura politica

La nuova Caserma dei Carabinieri si farà all'Annunziata

forum votazioneCon una schiacciante maggioranza l'assemblea del Forum di settore convocata dal sindaco Mastromauro ha deliberato la costruzione della nuova Caserma dei Carabinieri nel quartiere Annunziata, nell'area già da tempo destinata ad accoglierla a fianco agli alloggi gia occupati dalle famiglie dei Carabinieri. 28 sono stati i voti a favore dell'opzione Annunziata contro i 4 della opzione ex Tribunale, mentre nessun voto è stato espresso a favore della terza nell'immobile dell'ex mercato coperto. La decisione del Forum che ha carattere consultivo verrà portata nei prossimi giorni all'attenzione del consiglio comunale e qui dovrà essere ratificata.   

Presentate due mozioni

mercato-copertoProtocollate questa mattina dal capogruppo del gruppo consiliare de Il Cittadino Governante Franco Arboretti 2 mozioni aventi per oggetto:
 
 

Un sindaco da premio Attila

premio-AttilaQuesto sindaco è all’altezza? La domanda è lecita perché troppo spesso non capisce ciò che è inopportuno, e così finisce con il danneggiare la città, a volte irreversibilmente, come nel caso del Parco di Via Matteotti.
Ci chiediamo: come fa un primo cittadino a non comprendere che la realizzazione di un ristorante - chiamato eufemisticamente chiosco – lì, in un sito così delicato paesaggisticamente, è inopportuna perché  sfregia la bellezza di quel luogo identitario della città che annuncia il centro storico?
Come fa a non rendersi conto che  in un fazzoletto di verde di soli 4.000 mq (l’unica area di verde pubblico rimasta  nella zona centrale del Lido, ad ovest della Nazionale) è assurdo far realizzare una costruzione lunga14 metri, larga 8 metri ed alta 3 metri e 60, con tanto di canna fumaria, di insegna pubblicitaria (di m.2,75 x1,20) e di via di accesso, e che quel peculiare luogo verde vedrebbe cambiati in peggio e per sempre i connotati?
Come fa a non cogliere che autorizzando la cementificazione del cuore dei Giardini Matteotti causerebbe una pericolosa alterazione dell’assetto idro-geologico?
E, ancora, come fa a non percepire che un intervento di fatto impattante in una piccola area di verde urbano determinerebbe la fine di uno spazio pubblico, sottratto ai bambini e a coloro che lo frequentano?
Un bravo amministratore queste cose le capirebbe da solo e non darebbe adito a contestazioni, costringendo il dibattito a pubblico a occuparsi di cose così ignominiose.
Un amministratore lungimirante saprebbe bene che in quel sito posto alla base della collina,  e pertanto molto delicato sotto il profilo idrogeologico,  l’unica cosa da fare sarebbe quella di potenziare il verde - specialmente dopo la caduta di pini con il maltempo dell’inverno scorso - per accrescerne la bellezza sul piano estetico ed aumentarne la stabilità idrogeologica.
D’altra parte era questa la volontà del compianto Tiberio Orsini quando donò quell’area al Comune e andrebbe rispettata!
Di tutto ciò, però, il sindaco non si preoccupa affatto; conferma la posizione e si trincera dietro all’affermazione che  non ci sarebbero violazioni delle norme.

Leggi tutto: Un sindaco da premio Attila

Dissesto idrogeologico

dissesto-idro-villa-pozzoniQualche mese fa in consiglio comunale la maggioranza di Mastromauro ha bocciato la mozione del Movimento 5 Stelle che impegnava la giunta a mettere in sicurezza e tutelare il territorio nella zona di Villa Pozzoni, attraverso la risistemazione della rete idrica della raccolta e della regimazione delle acque bianche.
In questi giorni i residenti di via del Filetto, a Colleranesco, sono tornati a denunciare la mancata realizzazione dei lavori di canalizzazione.
La giunta Mastromauro continua a disattendere sistematicamente le promesse della campagna elettorale, disinteressandosi totalmente dei pericoli derivanti da una eventuale alluvione, allo stesso modo in cui sono misteriosamente spariti gli stanziamenti della regione guidata da D’Alfonso, per la messa in sicurezza degli argini del Salinello.
La sicurezza e la tutela del territorio non interessano la giunta comunale, tantomeno quella regionale. L’assessore Ruffini negli scorsi giorni ha presentato un piano di emergenza mentre la protezione civile lamenta l’assenza di una sede operativa.
Dunque anche in questo caso tante promesse e pochi fatti, come oramai siamo abituati a Giulianova con la giunta Mastromauro.

Movimento 5 Stelle -Giulianova

Le piazze non si toccano

Piazza-Dalla-ChiesaAbbiamo apprezzato la presenza all’assemblea pubblica promossa dal Cittadino Governante del segretario cittadino del PD Gabriele Filipponi, del consigliere comunale Valerio Rosci e di altri esponenti del PD.
Ancor più abbiamo apprezzato le decisioni prese in modo unanime (sindaco compreso) dall’Unione comunale del PD su piazza dalla Chiesa e sulla nuova caserma dei Carabinieri. Il comunicato stampa che i Democratici hanno diffuso contiene affermazioni importanti e condivisibili che riportiamo testualmente:
 
·       “preservare l'area dell'ex mercato coperto e la piazza contigua”;
·       “avviare le procedure di project financing in zona Annunziata su area di   proprietà comunale attigua agli alloggi dei carabinieri”;
·    “sollecita il Sindaco a ristrutturare il mercato coperto tramite gli uffici comunali utilizzando le indicazioni  di legge, riguardanti interventi di ristrutturazione di zone ed edifici degradati e marginalizzati”.
 
Non abbiamo affatto apprezzato, però, il comportamento del sindaco che ha rinnegato le decisioni prese la sera prima insieme a tutto il suo partito.

Leggi tutto: Le piazze non si toccano

A proposito di parco Matteotti: Chi “sporca” veramente e irreversibilmente i parchi?

La-vongola-ubriaca 03Il Sindaco parlando di igiene della città se l’è zelantemente presa con quelli che lui chiama “sporcaccioni” perché lasciano cartacce, lattine, bottiglie di plastica per terra nei parchi rendendoli poco decorosi. Nulla da eccepire e, comunque, i parchi vanno tenuti, in ogni caso, sempre puliti.
Ma se i parchi non devono essere  “sporchi”  ci viene spontaneo chiedere al Sindaco perché ha consentito l’autorizzazione dell’installazione del cantiere nel cuore del parco Matteotti ai piedi di Salita Montegrappa, lui che ha tenuto per sé la delega all’urbanistica?

Leggi tutto: A proposito di parco Matteotti: Chi “sporca” veramente e irreversibilmente i parchi?

cerca nel sito

Attualità

Sport

Politica

Cultura

Varie

ditelo@giuliaviva.it

  • 1
  • 2
Prev Next

A Giulianova giornata FAI d'au…

Cultura

A Giulianova giornata FAI d'autunno

Domenica 15 ottobre a Giulianova Con il patrocinio del Comune e del Polo Museale Civico di Giul...

Prima fanno fallire Cirsu e po…

Politica

Prima fanno fallire Cirsu e poi non difendono nemmeno i lavoratori

Ha dell’incredibile. La maggioranza del Comune di Giulianova, ad eccezione del Consigliere Mustone, ...

Salvaguardare i posti di lavor…

Politica

Salvaguardare i posti di lavoro di tutte le maestranze di CIRSU.

Protocollato oggi dall'associazione di cultura politica Il Cittadino Governante  un ordine...

La vera storia del Lido delle …

Politica

La vera storia del Lido delle Palme. Perché da vent’anni è tutto fermo ed ora se ne occupa la magistratura

Periodicamente  sui mezzi di informazione tornano notizie sulla lottizzazione Lido delle Palme:...

Il filo di Arianna

Cultura

Il filo di Arianna

Giovedì 24 agosto alle 21, nella Torre di Carlo V di Martinsicuro sarà inaugurata la mostra Il filo ...

Eventi estivi: rivedere tutto

Politica

Eventi estivi: rivedere tutto

Il cartellone eventi estivi 2017 verrà ricordato per la sua pressoché totale inconsistenza.Le manife...

Il Cittadino Governante chiede…

Politica

Il Cittadino Governante chiede che il comune si costituisca parte civile nel processo penale "Operazione Castrum"

Onestà e competenza sono valori essenziali nella vita pubblica, imprescindibili per praticare il buo...

Il Cittadino Governante e le p…

Politica

Il Cittadino Governante e le prossime elezioni comunali

Con riferimento all’articolo pubblicato dal Centro martedì 15 agosto sulle possibili coalizi...

Pini e passerelle: Una buona a…

Politica

Pini e passerelle: Una buona amministrazione non ripianterebbe i pini in viale Orsini e abbatterebbe le passerelle in cemento di viale di Vittorio

La manutenzione ordinaria e straordinaria è un capitolo decisivo per avere una città decorosa e funz...

"Luci e ombre del corpo. …

Cultura

"Luci e ombre del corpo. Scrivere il corpo nell’arte e nella poesia" venerdì 11 agosto al MAS

Venerdì 11 agosto 2017, alle ore 18.30, il Museo d’Arte dello Splendore di Giulianova, organizza Luc...

Mancanze troppo gravi per un'a…

Politica

Mancanze troppo gravi per un'amministrazione comunale

Nel Consiglio Comunale di lunedì 31 luglio il Cittadino Governante ha contestato, tra le altre cose...

Un passo avanti verso una razi…

Politica

Un passo avanti verso una razionale rete ospedaliera provinciale

Riteniamo che l’incontro tenutosi ieri a Pescara con il Presidente della Regione Abruzzo Luciano D’A...